Richard Yu di Huawei: "Vogliamo tornare ad utilizzare il Play Store"

Richard Yu di Huawei: 'Vogliamo tornare ad utilizzare il Play Store'
di

In un'intervista rilasciata per Wired, il capo della divisione mobile di Huawei, Richard Yu, ha discusso dell'attuale situazione societaria della sua compagnia, ma anche dei piani futuri. Il dirigente ha osservato che la sua speranza è di tornare a lavorare con Google, nonostante l'ottimo riscontro che sta ottenendo l'AppGallery.

Il CEO, nella lunga chiacchierata ha ricordato come "in passato abbiamo portato enormi entrate e profitti a società statunitensi come Google. Per questo, speriamo di poter continuare a collaborare con Google e di ottenere la licenza da parte del Governo degli Stati Uniti".

Parlando a nome del produttore, Yu ha affermato senza mezzi termini che è sua intenzione tornare ad utilizzare i Google Services ed il Play Store, a cui si aggiungerebbero gli Huawei Mobile Services ed appunto l'AppGallery. Yu, inoltre, ha anche osservato che "vogliamo continuare ad utilizzare Android".

Proprio sugli HMS e l'AppGallery, l'amministratore delegato ha osservato che "sono stati sviluppati molto rapidamente e stanno migliorando. Su AppGallery ci sono sempre più app popolari, ma sicuramente hanno ancora delle lacune. Per colmarle abbiamo bisogno di uno o due anni".

Interessante anche la risposta sulle innovazioni per gli smartphone. A pochi giorni dalla presentazione dei nuovi Huawei P40 e P40 Pro, Yu ha affermato che almeno per i prossimi uno o due anni le fotocamere continueranno ad essere l'aspetto su cui continueranno a sfidarsi i produttori, ed in questo contesto Huawei ha intenzione di continuare ad investire. "Credo che il consumatore ha bisogno anche di una batteria in grado di garantire maggiore autonomia e schermi grandi con più protezione per gli occhi" ha osservato Yu.

Chiosa finale anche sulla crisi di Coronavirus e sull'impatto che ha avuto sulla divisione smartphone di Huawei: "stavamo producendo il P40 dalla fine dello scorso anno. La nostra catena di approvvigionamento si sta riprendendo molto rapidamente in Cina, dopo che lo scorso Febbraio la maggior parte delle fabbriche erano chiuse" ha affermato il CEO, che ha bollato il Coronavirus come "una sfida per tutti".

FONTE: Wired
Quanto è interessante?
3