Riscontrate grandi somiglianze tra due gruppi di uccelli distanti nel tempo e nello spazio

Riscontrate grandi somiglianze tra due gruppi di uccelli distanti nel tempo e nello spazio
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sono stati scoperti fossili di un nuovo gruppo di uccelli giganti, ormai estinti, che presentavano caratteristiche analoghe ad un altro antico gruppo di uccelli giganti simili ai pinguini.

Nell’emisfero nord sono stati trovati fossili di alcuni uccelli giganti appartenenti ad un nuovo gruppo chiamato Plotopteridi che vivevano in un area compresa tra USA, Canada e Giappone. Ciò che però ha incuriosito gli scienziati è stata la grande somiglianza di questo volatile con un altro che viveva nell’emisfero opposto, nella moderna Nuova Zelanda. I fossili della Nuova Zelanda appartenevano ad uccelli giganti che somigliavano ai pinguini (Waimanu, Muriwaimanu e Sequiwaimanu) e che hanno vissuto 62 milioni di anni fa. Alcune delle specie della Nuova Zelanda avevano un’altezza che poteva superare 1.60 metri, un'altezza ragguardevole per delle creature simili ai pinguini.

I Plotopteridi, invece, hanno vissuto circa 35 milioni di anni fa e condividevano, con quelli della Nuova Zelanda, alcune caratteristiche. Ed è proprio questo che hanno fatto gli scienziati: hanno comparato i due gruppi, quello che viveva nell’Emisfero Sud ed i nuovi fossili di Plotopteridi scoperti nell’Emisfero Nord. Le similitudini riscontrate sono numerose e sono state documentate in un articolo pubblicato sulla rivista Journal of Zoological Systematics. Oltre alle dimensioni elevate (i Plotopteridi erano però più alti, alcune specie riuscivano a raggiungere e superare i due metri) i due gruppi condividevano un becco estremamente grosso, narici che si aprivano sul becco come due piccole fessure, le ossa del torace e delle spalle erano simili. Da un punto di vista comportamentale erano abilissimi nuotatori ed usavano le ali per muoversi veloci e in acque profonde per catturare le prede.

Tuttavia, mentre le specie che vivevano nell’Emisfero Sud erano più simili ai pinguini, le loro controparti del Nord, i Plotopteridi, somigliavano di più a sule e cormorani. Il punto della ricerca, ci dicono gli scienziati, è che nonostante vivessero in zone diverse e si fossero evoluti in tempi differenti, erano in realtà molto simili. Si è trattato, continuano gli esperti, di un tipo di evoluzione detta convergente dove specie che vivono in ambienti analoghi evolvono strutture che li portano ad essere molto simili.

Credit immagine: Mark Vitton

Quanto è interessante?
1