Rivelazione del NYT: "Neil Armstrong morto per un errore, alla famiglia 6 milioni"

Rivelazione del NYT: 'Neil Armstrong morto per un errore, alla famiglia 6 milioni'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sta avendo un eco importante negli Stati Uniti il rapporto del NYT che parla di un presunto accordo per mantenere segreta al controversia sulla morte di Neil Armstrong, l'astronauta della NASA passato alla storia per essere stato il primo uomo a muovere i passi sulla Luna.

A quanto pare i due figli di Armstrong avevano intenzione di contestare in tribunale il trattamento post operatorio subito dal padre presso il Mercy Health-Fairfile Hospital di Cincinnati a seguito dell'operazione di applicazione del bypass coronarico avvenuta il 7 Agosto a causa di un blocco alle arterie coronarie.

Secondo quanto affermato, alcune infermiere rimossero i fili che collegavano l'allora ottantaduenne ad un peacemaker temporaneo, causando un'emorragia alla membrana intorno al cuore che fu fatale all'astronauta.

In un primo momento l'ospedale si sarebbe difeso dalle accuse, ma successivamente avrebbe deciso di risarcire la famiglia con 6 milioni di Dollari per mettere a tacere la questione ed evitare una pubblicità potenzialmente devastante vista l'importanza del paziente.

Il Times è riuscito ad entrare in possesso di 93 pagine di documentazione medica, incluse alcune perizie mediche ed una serie di documenti pubblici da tempo e consultabili sul sito del tribunale. La fonte, rimasta anonima, sostiene anche che inizialmente la famiglia Armstrong avrebbe inizialmente chiesto 7 milioni di Dollari.

Del risarcimento da 6 milioni di Dollari, 5,2 sarebbero finiti nelle tasche dei due figli Mark e Rick, 250 mila Dollari a testa sarebbero stati donati al fratello e la sorella, mentre la parte restante ai sei nipoti (24 mila Dollari ciascuno). La vedova di Neil Armstrong, invece, non ha avuto nulla in quanto non avrebbe partecipato all'accordo.

La documentazione è stata pubblicata proprio al termine delle celebrazioni per i 50 anni dall'allunaggio.

FONTE: NYT
Quanto è interessante?
6