Samsung Italia risponde all'Antitrust: "non rallentiamo i nostri smartphone"

di
Nella serata di ieri è arrivata la notizia dell'apertura di ben due indagini da parte dell'Antitrust Italiano ai danni di Apple e Samsung per il caso relativo ai rallentamenti degli smartphone. L'AGCM ha riportato in auge anche nel nostro paese il tema dell'obsolescenza programmata, dopo che lo stesso era stato fatto dalla Procura di Parigi.

Sulla questione è intervenuto immediatamente il gigante coreano, che attraverso una dichiarazione rilasciata dall'ANSA ha affermato che "Samsung non rilascia aggiornamenti software al fine di ridurre le performance dei propri prodotti durante il loro ciclo di vita. La società conferma la propria totale collaborazione con l'Antitrust e si sta adoperando per fornire tutte le informazioni richieste al fine di chiarire la situazione. La soddisfazione dei nostri clienti è e sarà sempre la priorità della nostra azienda".

Samsung, insomma, non ci sta ad essere additata di obsolescenza programmata, mentre da parte di Apple ancora non sono arrivate reazioni in merito.

La scelta dell'Antitrust di includere nel calderone anche Samsung, aveva fatto discutere gli utenti. Se l'indagine ai danni di Apple era data per certa, dopo il recente caso dei rallentamenti degli iPhone, i motivi per cui i commissari abbiano scelto di puntare il dito contro il principale produttore di smartphone al mondo ancora non sono noti.

Ricordiamo che proprio qualche giorno fa Apple ha annunciato che con iOS 11.3 permetterà agli utenti di disattivare il sistema che rallenta gli iPhone.

Quanto è interessante?
3