Samsung punta a superare TSMC entro il 2030: focus su produzione di chip

Samsung punta a superare TSMC entro il 2030: focus su produzione di chip
di

I lavori di TSMC sulla catena produttiva a 2 nanometri saranno cruciali per definire il futuro della produzione di chip dal 2022 in avanti, e sono già oggi segno di un vantaggio importante sulla concorrenza. Samsung però non ha intenzione di arrendersi, anzi vuole superare proprio TSMC entro il 2030.

Battere il colosso taiwanese sul suo campo non è un gioco facile, eppure la società sudcoreana intende provarci secondo un report pubblicato da DigiTimes. Stando a quanto scritto, “Samsung Electronics ha recentemente annunciato che la sua fonderia di wafer serve ora oltre 100 clienti. In base alle condizioni attuali, il mercato della fonderia di wafer nel 2022 sembra essere attivo come lo era nel 2021. Di conseguenza, l'industria sudcoreana è ottimista riguardo alla fonderia di wafer di Samsung, che sta per entrare in una fase di crescita su vasta scala”.

Gli sforzi di Samsung saranno poi divisi tra Corea del Sud e Stati Uniti, dove ha confermato la presenza di un impianto di produzione di semiconduttori da 17 miliardi di dollari in Texas. Inoltre, tra i cento clienti figura persino Qualcomm, un nome protagonista del mercato internazionale di chipset. Nonostante ultimamente stia cercando nuovamente l’aiuto di TSMC per la produzione di Snapdragon 8 Gen 1, dati i bassi rendimenti dei 4 nm di Samsung, esso resta uno dei clienti principali di quest’ultimo produttore.

Il piano targato Samsung sembra quindi già ben definito: accogliere sempre più clienti sotto la sua ala, avviando la produzione in serie di chip a 4 nanometri e anche a 3 nanometri entro la prima metà del 2022, ottenendo un aumento delle prestazioni del 35% e un risparmio energetico del 50%. Insomma, le premesse ci sono tutte ma il viaggio non sarà facile.

Attenzione, intanto, ai rincari previsti da TSMC su CPU e GPU di Intel, AMD e NVIDIA.

FONTE: DigiTimes
Quanto è interessante?
2