San Francisco è la prima città a votare per vietare il riconoscimento facciale

San Francisco è la prima città a votare per vietare il riconoscimento facciale
di

Negli ultimi mesi abbiamo a lungo parlato di come gli Stati Uniti stiano utilizzando sempre di più strumenti di riconoscimento facciale per ragioni di sicurezza — sarà ad esempio usata nei 20 aeroporti più grandi del Paese. Ora la città di San Francisco ha deciso di vietare il riconoscimento facciale, sostenendo che violi la privacy dei cittadini.

Il primo firmatario della proposta, Aaron Peskin, ha spiegato di ritenere che i programmi di riconoscimento facciale non solo costituirebbero un pericolo per la privacy, ma rischierebbero anche di prendere di mira in particolar modo le minoranze. Una delle polemiche più controverse che aveva riguardato gli strumenti di riconoscimento facciale di Amazon era proprio quella di non funzionare correttamente con le persone di colore.

La proposta è stata approvata dai city supervisor della città con otto voti a favore e solo uno contro. Ci dovrà comunque essere una seconda votazione, che è attesa per il 21 maggio.

"La tendenza dei software di riconoscimento facciale a violare le libertà e i diritti dei cittadini non giustifica i benefici che si spera di ottenere", si legge nelle motivazioni scritte nere su bianco sulla stessa ordinanza.

Salvo sorprese, dal 21 maggio San Francisco sarà la prima città a vietare completamente l'uso del riconoscimento facciale da parte delle forze dell'ordine.

Quanto è interessante?
8