Per la prima volta sappiamo la temperatura di una supergigante rossa

Per la prima volta sappiamo la temperatura di una supergigante rossa
di

Le supergiganti rosse sono un tipo di stelle di massa e raggio molto elevati che si trovano nella fase finale della loro vita. Il loro destino è quello di esplodere in una supernova.

Sebbene conosciamo i meccanismi che regolano l'evoluzione delle stelle classiche, molti dettagli ancora ci sfuggono. E' il caso delle supergiganti rosse: sappiamo come si formano e come possono a volte esplodere producendo gli elementi più pesanti del nostro Universo, ma i loro cicli vitali dettagliati sono ancora sconosciuti. Il problema è che misurare la temperatura di una supergigante rossa è piuttosto complesso, e solo ora gli astronomi hanno sviluppato un metodo che permette di farlo.

Le supergiganti rosse rappresentano l'evoluzione di stelle aventi masse decine di volte superiori a quella del nostro Sole. L'atmosfera delle giganti rosse è molto spessa, e perciò dedurre proprietà relative alla loro superficie è davvero complicato. Le uniche osservabili non influenzate dall'atmosfera delle supergiganti rosse sono le linee di assorbimento, quantità che ci danno informazioni sulla composizione chimica delle stelle. Misurando il rapporto tra due linee di assorbimento del ferro i ricercatori hanno estratto una stima affidabile della temperatura superficiale della stella.

Una volta che si conosca la temperatura e la distanza di una stella, i modelli teorici aprono le porte al calcolo di numerose proprietà, come ad esempio la luminosità (una quantità legata all'energia emessa per unità di tempo) della stella.

Uno degli obiettivi principali della ricerca è trovare un modo di scoprire se e quando Betelgeuse, una stella relativamente vicina alla Terra e facente parte della costellazione di Orione, esploderà. Infatti, tra il 2019 ed il 2020 la sua luminosità è diminuita drasticamente, e ci si aspetta che entro il prossimo secolo la stella esploderà in un evento di supernova di tipo due.

FONTE: Phys Org
Quanto è interessante?
3