Schede video introvabili, le spedizioni globali sono aumentate del 20%

Schede video introvabili, le spedizioni globali sono aumentate del 20%
di

Dei tanti motivi dietro allo shortage globale che ha reso introvabili le schede video ne abbiamo parlato nel nostro approfondimento. In questa pazza situazione del mercato delle GPU però, emerge un dato confortante: sembra infatti che i produttori stiano facendo davvero tutto il possibile per aumentare le spedizioni.

Come riportano i colleghi di VideoCardz infatti, un nuovo rapporto dello studio JPR ha evidenziato un trend in netta crescita rispetto alle prime fasi del 2020. In particolare, nel Q4 2020 le spedizioni globali sono aumentate del 20.5% rispetto al periodo precedente e del 12.4% su base annua.

Le previsioni parlano inoltre di un aumento delle installazioni del 3.7% in un periodo che va dal 2020 al 2025, per un totale di 419 milioni di unità alla fine del suddetto arco temporale e con un tasso di penetrazione del mercato del 21% per quanto riguarda le sole GPU discrete.

Prima dell'inizio della pandemia, il mercato delle schede video si stava normalizzando. L'emergenza globale però ha distorto completamente la percezione e le proiezioni del mercato, anche per via della nuova corsa all'oro generata dal mining di Ethereum.

Per quanto riguarda le quote di mercato in termini assoluti, AMD perde il 2.2% rispetto al trimestre precedente e NVIDIA il 4.37%, mentre Intel risulta in netta crescita, con una quota di mercato che aumenta del 6,6%.

Le spedizioni globali delineano invece una situazione differente, con una crescita del 20.5% rispetto al periodo precedente, un aumento del 6,4% per AMD, del 33.2% per Intel e una riduzione del 7.3% per NVIDIA.

Come conseguenza del passaggio allo smart working, il mercato di notebook e tablet ha beneficiato di una forte crescita, toccando numeri mai raggiunti prima. I notebook spediti hanno infatti superato la quota di 230 milioni di unità, evidenziando un forte contributo dei Chromebook.

Il mercato complessivo dei PC è aumentato del 30.25% nell'ultimo trimestre e del 35.76% su base annua.

Il presidente di JPR, Jon Peddie, ha evidenziato che "i fattori che hanno influenzato le forti vendite di AIB negli ultimi due trimestri sono stati chiaramente l'aumento della crescita del settore videoludico e la necessità di allestire uffici domestici a causa del COVID. Si è ipotizzato che potrebbe esserci un rinnovamento della domanda di AIB a causa del mining di criptovalute".

A proposito di mining, Peddie ha inoltre ribadito che "tutto è possibile, ma il consumo di energia degli AIB riduce notevolmente il guadagno per il crypto-mining. Ethereum, la moneta più adatta per il mining con GPU, entrerà presto nella versione 2.0, rendendo le GPU obsolete. Sarebbe molto sciocco investire in un AIB di fascia alta che consuma energia per il mining di criptovalute oggi". Un concetto interessante quest'ultimo, poichè l'avvento della nuova fase Proof of Stake di Ethereum potrebbe effettivamente rendere inutili le GPU in questo tipo di attività.

Ricordiamo a tal proposito che NVIDIA ha messo a punto un algoritmo anti-mining per la sua GeForce RTX 3060.

FONTE: VIDEOCARDZ
Quanto è interessante?
2