Lo sciame delle Orionidi avrà il suo picco questo Mercoledì

Lo sciame delle Orionidi avrà il suo picco questo Mercoledì
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Se guarderete in cielo prima dell'alba, durante questa settimana, potreste vedere dei resti cosmici rilasciati dalla famosa cometa di Halley. Questi "rifiuti" cosmici sono lo sciame delle Orionidi e il 2020 è uno splendido anno per osservarlo, poiché la luna sarà nella fase iniziale di crescita e la visibilità sarà massima.

Se le Geminidi a dicembre e le Perseidi ad agosto possono essere considerati gli sciami di prima classe, allora le Orionidi vengono subito dopo. Quest'anno raggiungeranno il picco prima che sorga il Sole questo mercoledì mattina.

Il nome Orionidi deriva dal fatto che il radiante, il punto da cui sembrano provenire le meteore di uno sciame, si trova accanto alla seconda stella più brillante di Orione: la famosa Betelgeuse. Attualmente la costellazione di Orione si trova davanti a noi nel nostro viaggio intorno al Sole e non si è ancora completamente sollevata dall'orizzionte, non lo farà prima delle 23:00 e raggiungerà il suo picco intorno alle 5:00 di mattina del 21 ottobre.

Per vedere il maggior numero di meteore non dovete guardare verso il radiante ma a circa 30 gradi nella direzione dello zenit. Il periodo di visibilità delle Orionidi è tra il 16 e il 26 ottobre, con un numero di meteore tra le 15 e le 30 all'ora durante il picco. Potete osservare il cielo, prima dell'alba, ogni mattina durante questo intervallo e dovreste vedere una meteora e c'è il 75% delle probabilità che provengano dai resti della Cometa di Halley.

L'orario migliore per osservarle è tra le 2:00 e le 5:45 del mattino, quando Orione sarà alto sopra l'orizzonte, più è alta la costellazione e più meteore si vedranno nel cielo. Le Orionidi sono tra i pochi sciami di meteore che possono essere visti allo stesso modo dall'emisfero boreale che da quello australe.

Le meteore delle Orionidi sono deboli e quindi vi consigliamo di trovare un posto isolato se volete osservarle bene.

FONTE: space.com
Quanto è interessante?
2