Scienziati clonano per la prima volta un pony della Mongolia, specie in via d'estinzione

Scienziati clonano per la prima volta un pony della Mongolia, specie in via d'estinzione
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il 6 agosto 2020 è nato Kurt, il primo cavallo di Przewalski (noto come pony della Mongolia) clonato con successo al mondo, stiamo parlando di un cavallo selvatico in via di estinzione originario delle steppe dell'Asia centrale. La cosa ancora più emozionante è che Kurt è stato clonato da materiale genetico crioconservato 40 anni fa.

"Questo puledro dovrebbe essere uno degli individui geneticamente più importanti della sua specie", secondo lo zoologo Bob Wiese. L'ultimo avvistamento confermato di un cavallo di Przewalski in natura è stato nel 1969. Alcuni esemplari sono negli zoo e grazie a un programma di allevamento per la ripopolazione della specie, oggi esistono circa 2.000 individui.

Purtroppo, però, queste 2000 unità discendono da "soli" 12 antenati, che rappresentano quello che è noto come "collo di bottiglia della popolazione". Ciò crea una minore diversità genetica. Con meno variazioni, infatti, una popolazione è meno in grado di adattarsi a potenziali fattori di stress o cambiamenti nel proprio ambiente.

Oltre a tutto, piccole popolazioni geneticamente simili hanno una probabilità molto più alta di consanguineità, che può causare una "depressione da consanguineità", abbassando nuovamente la probabilità di sopravvivenza a lungo termine. Eroe della specie è stato un cavallo di Przewalski di nome Kuporovic, vissuto dal 1975 al 1998.

Kuporovic aveva antenati unici e originari della specie. Ciò significa che offriva una variazione genetica significativamente maggiore rispetto a qualsiasi dei suoi parenti in vita. Quindi nel 1980 gli scienziati presero un campione e lo conservarono nello zoo di San Diego. Anche dopo la morte, in questo modo, il cavallo continuò a generare prole.

Kurt, nato oltre 20 anni dopo la morte di suo padre, è l'esatto materiale genetico di Kuporovic, in un certo senso "rianimato". Lo zoo di San Diego ha collaborato con il gruppo di conservazione della fauna selvatica Revive & Restore e la società di clonazione di animali domestici ViaGen Equine per creare un embrione utilizzando il materiale genetico di Kuporovic. L'embrione è stato impiantato in un surrogato di cavallo domestico (Equus ferus caballus) ed è nato sano dopo una gravidanza normale.

Kurt rappresenta la speranza, non solo per la sua specie, ma per altre specie in via di estinzione in tutto il mondo. "La nostra speranza è che in cinque o dieci anni, quando Kurt diventerà il primo stallone di Przewalski clonato al mondo, si accoppierà con successo e contribuirà così alla diversità genetica della sua specie e al futuro dell'innovazione nella conservazione", scrive Revive & Restore sulla pagina del progetto del cavallo di Przewalski.

Rimanendo sul tema: in Cina è stato clonato il primo gatto a scopi commerciali e adesso si punta a clonare anche i ricordi.

Quanto è interessante?
3
Scienziati clonano per la prima volta un pony della Mongolia, specie in via d'estinzione