Scienziati creano un'IA in grado di tradurre il pianto dei bambini

Scienziati creano un'IA in grado di tradurre il pianto dei bambini
di

I ricercatori della Northern Illinois University sembrano aver trovato un modo per decifrare il pianto dei bambini in fasce attraverso l'intelligenza artificiale.

L'algoritmo sembra infatti capace di distinguere tra due tipi di vocalizzazione del pianto degli infanti, e potenzialmente potrebbe essere capace di rassicurare i genitori, e salvare anche la vita dei bambini che potrebbero essere affetti da qualche malattia.

Lo studio, pubblicato sull'IEEE/CAA Journal of Automatica Sinica, viene spiegato nel dettaglio dagli stessi ricercatori. Sembra infatti che l'algoritmo di riconoscimento vocale sia in grado di distinguere tra un pianto "normale" e "anormale", il secondo spesso causato da un disturbo medico.

I ricercatori hanno raccolto i dati di 26 bambini in una unità di terapia intensiva neonatale di un ospedale, e successivamente hanno poi chiesto ad infermieri esperti e operatori sanitari di distinguere la probabile ragione di ogni pianto tra cinque alternative: "affamato", "pannolino", "attenzione", "sonno" e "disagio".

Attraverso questi dati i ricercatori sono poi riusciti a creare un'intelligenza artificiale in grado di riconoscere il pianto di un bambino e determinare la probabile ragione delle sue urla. L'idea è quella di fornire uno strumento utile ai neo genitori e alle unità di terapia intensiva negli ospedali, questi dispositivi potrebbero infatti aiutare i medici a riconoscere i pianti dei bambini che stanno male.

L'intelligenza artificiale si sta diffondendo nei settori più svariati. Anche se di recente si è scoperto che addestrare un algoritmo rilascia nell'atmosfera 280.000 chili di anidride carbonica.

FONTE: futurism
Quanto è interessante?
4