Scienziati esaminano la Piccola Nube di Magellano in un modo senza precedenti

Scienziati esaminano la Piccola Nube di Magellano in un modo senza precedenti
di

Studiando una galassia vicina conosciuta come Piccola Nube di Magellano, gli scienziati dell'Università di Manchester, tra le tante cose, hanno trovato qualcosa di inquietante: i resti di due possibili supernovae, la nuvola di gas e polvere rimasta dopo l'esplosione di una stella.

La Piccola Nube di Magellano è relativamente vicina al nostro pianeta, a soli 200.000 anni luce dalla Via Lattea. Oltre ai cadaveri stellari, il team ha anche scoperto i segnali radio di 20 nebulose planetarie.

"Questo è un momento entusiasmante per lo studio delle galassie vicine, che ci offrono un laboratorio ideale", scrivono gli scienziati nel loro articolo, recentemente pubblicato nel Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Queste scoperte sono state effettuate attraverso l'Evolutionary Map of the Universe (EMU), un progetto che sta effettuando un censimento delle fonti radio nel cielo. Il team ha utilizzato l'Australian Square Kilometer Array Pathfinder (ASKAP), costituito da 36 antenne paraboliche che lavorano insieme.

"Ora possiamo combinare questi dati radio con osservazioni da telescopi ottici, a raggi X, a raggi gamma e infrarossi, permettendoci di esplorare la Piccola Nube di Magellano e altre galassie con dettagli senza precedenti", afferma Tana Joseph, del Dipartimento di Fisica e Astronomia di l'Università di Manchester, nella nota stampa.

Le osservazioni sono state prese a due diverse frequenze radio, 960 MHz e 1320 MHz, consentendo una sensibilità superiore di quattro volte rispetto alle precedenti osservazioni condotte. In futuro, il progetto spera di rilevare 70 milioni di galassie entro cinque anni.

Quanto è interessante?
4