Gli scienziati hanno scoperto dei "fossili fantasma" nel mondo microscopico

Gli scienziati hanno scoperto dei 'fossili fantasma' nel mondo microscopico
di

Fossili fantasma potrebbero spiegare come fa la vita a reagire al cambiamento climatico negli oceani della Terra. Questa è la nuova scoperta dettagliata nella rivista Science. No, attenzione, non stiamo parlando di entità ectoplasmatiche, ma plancton unicellulare, o nannoplancton fossilizzato, vissuto milioni di anni fa.

"La scoperta dei fossili è stata una sorpresa completa", ha dichiarato l'autore dello studio Sam Slater, ricercatore presso il Museo Svedese di Storia Naturale di Stoccolma (nel frattempo, ecco a voi la storia dell'unico fossile trovato in Norvegia). "Stavamo studiando il polline fossile delle stesse rocce. Non avevo mai visto questo stile di conservazione dei fossili prima d'ora, e la scoperta è stata doppiamente sorprendente".

In particolare, i ricercatori hanno osservato delle strane "strutture" del polline; erano le impronte lasciate dagli esoscheletri di nannoplancton chiamati coccolitofori, che esistono ancora oggi nel nostro mare. Sebbene piccolissimi, i coccolitofori possono produrre fioriture nell'oceano che possono essere viste perfino dallo spazio (a proposito, ecco le strutture costruite dall'uomo che possono essere visibili dall'orbita).

Una volta morti, i loro esoscheletri si depositano sul fondo del mare e possono trasformarsi in rocce come gesso. "I fossili fantasma sono estremamente piccoli - la loro lunghezza è di circa cinque millesimi di millimetro, 15 volte più stretta della larghezza di un capello umano! - ma il dettaglio delle lastre originali è ancora perfettamente visibile, pressato sulla superficie di antichi materia organica", afferma Paul Bown, coautore dello studio e professore di micropaleontologia all'University College di Londra.

FONTE: cnn
Quanto è interessante?
2
Gli scienziati hanno scoperto dei 'fossili fantasma' nel mondo microscopico