Scoperta una nuova frode pubblicitaria sul Play Store di Android

Scoperta una nuova frode pubblicitaria sul Play Store di Android
di

A seguito della scoperta di BuzzFeed News, Google ha annunciato di aver rimosso una serie di applicazioni popolari dal Play Store di Android in quanto portavano avanti uno schema di frodi pubblicitarie su larga scala.

Sei di queste applicazioni erano sviluppate dal DU Group, uno sviluppatore che controllato da Baidu, che detiene il 34% della compagnia. Tra le app di sua proprietà figurano la popolare Selfie Camera, che ha registrato oltre 50 milioni di download.

La scoperta è stata confermata anche dal ricercatore di frodi pubblicitarie Check Point, che esaminando il codice sorgente ha scoperto la presenza di alcune righe che generavano click involontari ed automatici sugli annunci pubblicitari all'insaputa dell'utente. Il tutto ovviamente aveva lo scopo di aumentare gli introiti dal settore pubblicitario.

L'aspetto preoccupante è dato dal fatto che gli utenti non devono nemmeno aprire l'applicazione per entrare in questo meccanismo: i click si verificano anche se l'applicazione non è in esecuzione, il che potrebbe provocare anche un consumo elevato della batteria e dei dati del piano tariffario. Lo schema di frode si verifica con gli annunci pubblicati con AdMob di Google e MoPub di Twitter.

Le applicazioni coinvolte in questo schema includono anche Omni Cleaner, RAM Master, Smart Cooler, Total Cleaner, AIO Torch ed ovviamente Selfie Camera, che hanno nascosto la loro affiliazione con la società. Tuttavia, almeno al momento non sono state riscontrate prove dell'invio di dati e la raccolta.

BuzzFeed News ha esaminato oltre 5.000 applicazioni popolari sul Play Store, ed ha invitato Google ad affrontare la grave problematica.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
3