Scoperta una nuova specie di ape risalente a 100 milioni di anni fa

Scoperta una nuova specie di ape risalente a 100 milioni di anni fa
INFORMAZIONI SCHEDA
di

E’ stata scoperta e analizzata, all'interno di un’ambra fossile, un’antica ape che si stimi avere circa 100 milioni di anni e che potrebbe aiutarci a far luce sull'evoluzione di questi insetti impollinatori.

Sappiamo tutti quanto siano indispensabili per noi e per la natura, in generale, gli insetti impollinatori. Queste creature come, per esempio, le api, giocano un ruolo veramente fondamentale nella riproduzione delle piante in tutto il globo. Le api sono, quindi, insetti importantissimi e, possiamo dire, sono delle piccole guardiane della biodiversità perché con i loro comportamenti permettono alle piante di riprodursi e di espandersi. Questi piccoli animali volanti si nutrono di nettare e polline e questo nutrimento le sostenta da quando nascono fino a quando muoiono.

Vista la loro importanza non è un caso che un piccolo fossile di ambra con dentro un ape risalente a 100 milioni di anni fa sia stato studiato con estrema attenzione da scienziati dell’Università dell’Oregon State University. Esso è stato ritrovato nel Myanmar ed è importante per due motivi: il primo, perché l’ape incastonata all'interno dell’ambra è probabilmente l’insetto impollinatore più antico che sia stato trovato fino ad oggi, il secondo motivo è che l’ape ha, addosso, delle larve di un altro insetto che stavano parassitando sopra di lei. Sul corpo dell’ape, oltre a queste larve che stavano parassitando sul corpo dell’animale, sono stati trovati granuli di polline, segno che questa, prima di rimanere invischiata nell'ambra, stava banchettando con dei fiori.

Da quanto ci dicono gli scienziati della ricerca pubblicata sulla rivista BioOne Complete, l’ape all'interno dell’ambra risulta appartenere ad una specie del tutto nuova che hanno chiamato Discoscapa apicula e, morfologicamente, ha alcune caratteristiche estremamente peculiari come, per esempio, due speroni sulla tibia delle zampe posteriori e alcune peculiarità riguardanti vene presenti sulle ali. Come ci dicono gli scienziati, le specie ancestrali di api che sono state trovate fino ad ora sono antiche di 65 milioni di anni fa e somigliano molto alle moderne impollinatrici. Il soggetto della nuova scoperta, invece, risale a molto più tempo prima, 100 milioni di anni, e lo studio di questo piccolo insetto potrebbe dire molto di più riguardo l’evoluzione delle api nel corso degli anni.

Credit immagine: George Poinar Jr., OSU College of Science.

FONTE: Phys Org
Quanto è interessante?
1