Scoperta straordinaria in Turchia: resti di un culto "particolare" rinvenuti in una grotta

Scoperta straordinaria in Turchia: resti di un culto 'particolare' rinvenuti in una grotta
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Gli archeologi hanno scoperto un complesso sotterraneo dell'età del ferro in Turchia che potrebbe essere stato utilizzato da un culto della fertilità durante il primo millennio a.C.

L'antico complesso, ancora da scoprire a fondo per l'instabilità della struttura, presenta alle pareti rari disegni di arte rupestre raffiguranti un corteo di divinità raffigurate in stile assiro. Questo stile artistico sembra essere stato adattato da gruppi locali, indicando con quanta forza la cultura dell'Impero neo-assiro si diffuse tra le persone che conquistò in questa regione, secondo il nuovo studio, pubblicato online l'11 maggio sulla rivista Antiquity.

"La scoperta testimonia l'esercizio dell'egemonia assira nella regione nelle sue fasi iniziali", ha detto a WordsSideKick.com in una e-mail uno degli autori dello studio Selim Ferruh Adalı, professore associato di storia antica presso l'Università di scienze sociali di Ankara. "Il pannello murale contiene una rappresentazione della processione divina con elementi precedentemente sconosciuti, con scritte aramaiche per descrivere alcune divinità mentre combinano l'iconografia divina neo-assira, aramaica e siro-anatolica".

Le autorità hanno appreso dell'antico complesso sotterraneo nel 2017, dopo che i saccheggiatori lo hanno scoperto sotto una casa in un villaggio turco e hanno deciso di prendere di mira i suoi tesori. Tuttavia, la polizia ha sventato i saccheggiatori e gli agenti investigativi hanno presto trovato un'apertura che i saccheggiatori avevano ricavato dal pavimento in una casa a due piani nel villaggio di Başbük, nel sud della Turchia. Questa scoperta ha spinto la polizia a informare il Museo archeologico di Şanlıurfa, i cui archeologi hanno stabilito che l'apertura, che misurava circa 7 piedi per 5 piedi (2,2 per 1,5 metri), conduceva a una camera d'ingresso, scavata nella roccia calcarea, nel complesso sotterraneo.

Il complesso sotterraneo risale al primo periodo neoassiro (intorno al IX secolo a.C.), e presenta una galleria superiore e inferiore, oltre alla camera d'ingresso. L'originaria apertura della camera d'ingresso non è stata ancora trovata. Gli esperti del museo hanno effettuato lo scavo di salvataggio ad agosto e settembre del 2018, ha detto Adalı. Tuttavia, hanno sospeso lo scavo dopo due mesi a causa dell'instabilità del sito. L'area è ora sotto la protezione legale del Ministero della Cultura e del Turismo turco.

Un'altra scoperta recente, se vi interessa, è quella dei pugnali impiegati per scopi diversi, nelle tombe dei guerrieri antichi.

Quanto è interessante?
5