Scoperte le tracce fossili dell'antenato vermiforme dei moderni animali

Scoperte le tracce fossili dell'antenato vermiforme dei moderni animali
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sono state scoperte le tracce fossili di un antico verme che potrebbe essere una delle primissime forme di vita che, per prime, si sono mosse sul nostro pianeta.

Quello che è stato trovato nella zona Sud dell’Australia potrebbero essere le tracce di una delle prime forme di vita apparse sulla Terra. Si tratta di organismi pluricellulari che hanno una importantissima caratteristica evolutiva: un’apertura frontale dove raccolgono il cibo ed una posteriore dove eliminano le deiezioni e, a collegare queste aperture, una specie di intestino primitivo. Questo vermone potrebbe essere uno degli antenati comune dei moderni animali ed è vissuto milioni di anni fa, si stima tra i 635 ed i 545 milioni di anni fa. I ricercatori che hanno scovato le tracce di questo animale lo hanno chiamato Ikaria warioota e la ricerca è stata pubblicata su Proceedings of the national academy of sciences.

Quello che gli scienziati hanno scoperto sono delle piccole impronte ovoidali nella roccia, ma nessun resto fossile dell’animale. Queste piccole rientranze ovoidali sono state probabilmente fatte da questi piccoli vermiformi e sono rimaste impresse nella roccia che, per nostra fortuna, si è conservata fino ai nostri giorni. Per risalire alla forma esatta dell’animale, gli scienziati hanno analizzato queste impronte ovoidali con dei laser, hanno cioè fatto una vera e propria scansione. I risultati di queste analisi hanno fatto capire loro che l’animale doveva avere una lunghezza compresa tra 1,9 e 6,7 millimetri, quindi non un vermetto particolarmente lungo!

Aveva, come abbiamo detto, un muso ed un’altra apertura all’estremità opposta dalla quale eliminava le sostanze di scarto. Si muoveva tramite la peristalsi, un po’ come fanno i moderni vermi, mediante la contrazione dei muscoli del corpo secondo un ordine ben preciso. Probabilmente aveva anche dei sensori che gli permettevano di percepire, in qualche modo, la direzione e dirigersi, tramite il movimento peristaltico, appunto, verso la fonte energetica.

Credit immagine: Sohail Wasif - UCR

FONTE: IFLscience
Quanto è interessante?
1