Scoperti in Perù resti di lama mummificati adornati da sfavillanti decorazioni

Scoperti in Perù resti di lama mummificati adornati da sfavillanti decorazioni
di

Un recente studio pubblicato sulla nota rivista storica “Antiquity” ha riportato la scoperta di alcuni resti di lama mummificati. Dopo esser stati dissotterrati, gli archeologi, con grande sorpresa, hanno notato come i loro corpi fossero decorati con colorati orecchini e collane.

Il sito archeologico dove sono stati riportati alla luce i resti si trova a Tambo Viejo, una zona vicino alle coste del Pacifico e che circa 1500 anni fa era sotto il dominio di una delle più grandi popolazioni native dell’America meridionale, gli Inca.

Il luogo della scoperta ha una pianta abbastanza peculiare: vi sono due palazzi, circondati da diversi edifici. Probabilmente quello che oggi è un semplice sito archeologico, in passato era un luogo di festa e incontri diplomatici.

Secondo fonti scritte spagnole, Tambo Viejo divenne uno dei centri amministrativi più importanti dell’Impero Inca. I ricercatori, confrontando queste informazioni e la datazione dei resti trovati sul sito, hanno dedotto che “Gli Inca non andavano a Tambo Viejo solo per compiere dei sacrifici animali. Questi erano solo una piccola parte di una celebrazione molto più grande promossa dallo stato, che includeva il consumo di cibo e bevande. Il condividere il cibo era una strategia politica per cementare alleanze politiche e ottenere il favore delle nuove popolazioni conquistate” - come ha affermato Lidio Valdez, dell’Università di Calgary (Canada) e ricercatore che ha preso parte agli scavi.

Tuttavia, gli studiosi si sono chiesti se il decorare i lama fosse solo per una pura questione estetica legata al rito o se questa scelta avesse un valore ancora più profondo.

Secondo la tradizione Inca, i lama marroni andavano sacrificati al dio della creazione Viracocha, mentre quelli bianchi al dio del sole. E’ interessante il fatto che tre dei lama bianchi ritrovati, i più importanti secondo il rito, avevano anche il volto dipinto - oltre all’indossare orecchini in piume e svariate collane. L’importanza religiosa è stata confermata anche dalla presenza di foglie sacre intorno ai corpi e la posizione diretta verso est, dove, appunto sorge il sole.

Ciò che rende macabro il rito è che questi lama vennero sacrificati da vivi, perché nei loro resti non sono stati trovati segni di armi da taglio. E’ molto raro che avvenisse una cosa del genere e, solitamente, si lasciavano morire sottoterra solo gli esseri umani.

Sicuramente le ricerche continueranno per definire meglio le modalità della celebrazione e fornire nuovi dettagli su una delle più grandi potenze native dell’intera storia umana. Bisogna, però, considerare che questi resti ritrovati rimangono, ad oggi, i meglio preservati.

I resti dei sacrifici trovati fino ad adesso non sono mai stati così ‘completi’ come questi. Qui è possibile definire il colore del manto e riconoscere ciascun materiale conservato con i corpi! E’ una cosa abbastanza rara nell’archeologia” ha affermato Susan de France, professoressa di antropologia dell’Università della Florida. La scoperta di questi lama si va ad aggiungere ad una serie infinita di ritrovamenti risalenti a questa fantastica civiltà.

Quanto è interessante?
4
Scoperti in Perù resti di lama mummificati adornati da sfavillanti decorazioni