Scoperti i resti di un palazzo azteco e la casa del conquistadores Cortés

Scoperti i resti di un palazzo azteco e la casa del conquistadores Cortés
di

Durante dei lavori nell'edificio del Monte de Piedad a Città del Messico, gli archeologi del National Institute of Anthropology and History (INAH) hanno fatto una scoperta incredibile: i pavimenti in lastre di basalto dal Palazzo di Axayácatl e i resti di una casa costruita per il conquistatore Hernán Cortés.

Axayácatl, fu un re che governò la popolazione precolombiana degli Aztechi e regnò sulla città di Tenochtitlán (l'attuale Città del Messico) dal 1469 al 1481. Era il padre di Montezuma II, uno degli ultimi sovrani dell'Impero azteco. Montezuma (che governò dal 1502 al 1520) portò il conquistadores Hernán Cortés nel suo palazzo a Tenochtitlán, dove gli spagnoli vissero come suoi ospiti per diversi mesi.

Qui, il sovrano fu fatto prigioniero e successivamente ucciso. Altri due sovrani aztechi succedettero al re, ma i loro regni furono di breve durata e l'impero azteco crollò rapidamente sotto di loro. Gli scavi hanno anche rivelato una casa costruita per Cortés. L'abitazione era il luogo in cui il conquistatore spagnolo risiedette per diversi anni e divenne anche la sede del primo Cabildo della Nuova Spagna intorno al 1525.

Gli archeologi hanno portato alla luce del Sole un muro in muratura di pietra, di 1.50 metri di altezza per 1.25 metri di larghezza che fungeva da base e piattaforma per una serie di colonne dell'edificio. Gli atzechi erano un popolo davvero misterioso: recentemente è stato svelato il mistero di una barra d'oro vecchia 500 anni e avevano uno degli strumenti con il suono più terrificante di sempre.

Quanto è interessante?
4
Scoperti i resti di un palazzo azteco e la casa del conquistadores Cortés