Scoperto il fossile più grande di pterosauro del Giurassico

Scoperto il fossile più grande di pterosauro del Giurassico
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Amelia Penny, dottoranda dell’Università di Edimburgo, durante una ricerca sull’isola di Skye, in Scozia, ha notato un corpo estraneo sporgere da una roccia: era la mascella di un dinosauro, ma non uno qualunque, era la mascella di uno pterosauro!

Dearc sgiathanach (che significa “rettile alato” in gaelico) è uno pterodattilo unico nel suo genere, con un’apertura alare di 2,5 metri, ed è il più grande fossile appartenente ad un dinosauro volante. I denti affilati conservano ancora lo smalto lucido, come se fosse morto poche settimane fa; invece, il nostro amico ha smesso di volare 170 milioni di anni or sono. Ciò che colpisce i paleontologi è proprio l’eccezionale stato di conservazione. Oltretutto, a detta di Steve Brusatte, professore di paleontologia ed evoluzione presso l’Università di Edimburgo, si tratta dello pterosauro più grande del Giurassico mai scoperto (sicuramente più grosso dell’esemplare di Pteraichnus che passeggiava a Casper, negli Stati Uniti) e il più grande fossile rinvenuto nel Regno Unito.

L’interesse paleontologico per il territorio britannico, dove tra l'altro è stato rinvenuto il fossile più antico a noi noto, è nato a seguito della scoperta di un fossile appartenente ad un Plesiosaurus lungo 3 metri, nel Dorset, a sud dell’Inghilterra, per mano di Mary Anning, una ricercatrice attiva nel 1800.

Attualmente, allo studio dello scheletro, sta pensando Natalia Jagielska, un’altra dottoranda dell’Università di Edimburgo. L’obiettivo dell’accademica consiste nello spiegare come Dearc riuscisse a sollevarsi in volo, viste le notevoli dimensioni del fossile.

Si ringrazia, la suddetta università scozzese, anche per le preziosissime immagini.

FONTE: CNN
Quanto è interessante?
5
Scoperto il fossile più grande di pterosauro del Giurassico