Ricercatori del Minnesota hanno evidenziato un metodo per rallentare l'invecchiamento

Ricercatori del Minnesota hanno evidenziato un metodo per rallentare l'invecchiamento
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Una ricerca pubblicata all'inizio di quest'anno in Nature Medicine che coinvolge la University of Minnesota, ha dimostrato la possibilità di ridurre il carico delle cellule danneggiate, definite cellule senescenti, prolungarne la durata e migliorarne la salute, anche quando il trattamento è stato avviato in tarda età. Adesso ci sono novità.

Adesso hanno dimostrato che il trattamento dei topi anziani con il "Fisetin", una sostanza naturale presente in molti frutti e verdure, ha anche effetti positivi sulla salute e sulla durata della vita.

Quando le persone invecchiano, accumulano cellule danneggiate. Quando le cellule raggiungono un certo livello di danneggiamento subiscono un processo di invecchiamento, chiamato senescenza cellulare. Le cellule rilasciano anche dei particolari segnali che indicano al sistema immunitario di eliminare tali cellule danneggiate. C'è da fare una distinzione d'età: il sistema immunitario di una persona giovane è in buona salute ed è in grado di eliminare le cellule danneggiate rapidamente. Ma come le persone invecchiano, le modalità di eliminazione diventano sempre meno efficaci. Così iniziano ad accumularsi, causando infiammazioni di basso livello e rilasciano enzimi che possono degradare il tessuto .

Robbins ed altri colleghi ricercatori hanno scoperto che un prodotto naturale, chiamato fisetina, riduce il livello di queste cellule danneggiate nel corpo. Hanno trovato questo trattando dei topi "anziani", quasi al termine della loro esistenza, con questo composto ed hanno notato un miglioramento della salute e della durata della vita.

"Questi risultati suggeriscono che possiamo estendere il periodo di salute, definito healthspan, anche operando verso gli ultimi anni di vita", ha detto Robbins. Tuttavia ci tiene a precisare che non è cosi semplice come può sembrare: "ci sono ancora molte questioni da affrontare, come il giusto dosaggio, ad esempio".

Ci si può chiedere come mai non si siano interessati prima agli effetti di questa sostanza: Il problema deriva dal fatto che vi sono sempre dei limiti quando si tratta di capire come un farmaco agisce su diversi tessuti e le diverse cellule in un corpo che invecchia. I ricercatori non hanno un modo per capire se un trattamento sta effettivamente attaccando le particolari cellule che sono senescenti. Almeno fino ad ora.

Sotto la guida di Edgar Arriaga, professore del Dipartimento di Chimica del College of Science and Engineering dell'Università del Minnesota, il team ha usato la citometria di massa, o CyTOF, e l'ha applicata per la prima volta nella ricerca sull'invecchiamento.

"Oltre a dimostrare che il farmaco funziona, questa è la prima dimostrazione che mostra gli effetti del farmaco su sottoinsiemi specifici di queste cellule danneggiate all'interno di un dato tessuto" ha concluso Robbins.

Vi sono parecchie altre ricerche che puntano a migliorare la qualità della vita umana, ve ne abbiamo parlato nelle news dedicate.

Quanto è interessante?
7