Scoperto plutonio cosmico in fondo all'Oceano Pacifico: perché si trovava lì?

Scoperto plutonio cosmico in fondo all'Oceano Pacifico: perché si trovava lì?
di

In fondo all'Oceano Pacifico sono state trovate tracce di ferro e plutonio. Secondo gli esperti potrebbero essere arrivate sul nostro pianeta sotto forma di pioggia, quale a sua volta potrebbe essere stata prodotta da un disastro cosmico: quale potrebbe essere?

Ad informarci dell'arrivo dei detriti è stato un rapporto sulla rivista Science, che ha raccolto dati per oltre dieci anni. Secondo gli esperti, dopo che queste rare sostanze hanno raggiunto l'oceano, si sono naturalmente depositate sul fondale e successivamente il materiale è stato assorbito dalle rocce.

Brian Fields, astronomo all'Università dell'Illinois, ha così commentato la scoperta: "Il solo fatto che lì ci sia del plutonio, è fantastico! Anche se abbiamo questa ridotta quantità di materiale, stiamo comunque parlando di centinaia di atomi. Ci sono stati donati dalle stelle che sono esplose."

É infatti comprensibile l'entusiasmo di Brian Field, nonostante lui non facesse parte del team di ricerca. Studiare in che modo l'universo forgi elementi pesanti come ferro, platino, oro e appunto plutonio, è qualcosa che la comunità scientifica cerca di fare da tempo. Non si è mai presentata occasione migliore!

"Questi sono elementi ancora misteriosi per noi" ha detto Anton Wallner, a capo del team di ricercatori, fisico all'Australian National University. "Non sappiamo esattamente dove vengono prodotte queste sostanze, né quanta ne viene prodotta."

Gli scienziati hanno per adesso individuato come possibile causa il processo delle stelle super massicce che, nel trasformarsi in supernove, provocano un'enorme esplosione in grado di far schizzare tutto intorno le sostanze prodotte. "Se una cosa del genere accadesse vicino alla terra, tutti questi elementi prodotti dalla supernova potrebbero letteralmente piovere sulle nostre teste."

Grazie alla ricerca effettuata dal team, sappiamo che probabilmente l'esplosione interstellare è avvenuta 3 milioni di anni fa in un luogo confinante con la Terra. Sembra troppo semplice? In effetti pare che le esplosioni furono due, la prima avvenne oltre 6 milioni di anni fa.

Secondo gli scienziati gli eventi cosmici, come le fusioni di stelle di neutroni - la cui morte è davvero spettacolare, potrebbero giocare un importante ruolo nella produzione di questi materiali rari. Come il plutonio-224, che non è affatto il plutonio che crediamo e di cui esiste anche una versione stabile.

Il professore Fields ha comunque voluto rassicurare tutti: "Se ci fossero stelle simili vicino a noi, essendo che non sono certo sottili, lo sapremmo. Sappiamo esattamente dove si trovano e non c'è nessun pericolo."

FONTE: npr
Quanto è interessante?
3