Scoperto lo sperma animale più antico del mondo: ha 100 milioni di anni

Scoperto lo sperma animale più antico del mondo: ha 100 milioni di anni
di

L'ambra è una vera e propria capsula del tempo in cui è possibile effettuare delle scoperte incredibili. Un pezzo di ambra vecchio di 100 milioni di anni, ha rivelato il campione più antico di sperma animale del mondo. È molto più grande di quello umano e proviene da un crostaceo simile a un gambero più piccolo di una moneta di 5 centesimi.

Poco più corto di 0.6 millimetri, questa antica creatura appartiene a una classe ancora esistente di maxillopoda (o microcrostacei) noti come ostracodi, sono "famosi" per possedere cellule di sperma fino a sette volte più grandi delle loro stesse dimensioni. Utilizzando uno scanner micro-CT, i ricercatori hanno osservato 39 dei loro antichi parenti crostacei, tutti nella stessa ambra.

Ancora più sorprendente, questa comunità "antica" ha ancora alcuni degli stessi tratti riproduttivi che vediamo oggi negli ostracodi, incluso cellule di sperma giganti. Questi fossili mostravano prove di pompe spermatiche, uova e - soprattutto - recipienti femminili pieni di liquido seminale. Misurare le singole cellule in queste masse aggrovigliate è impossibile, ma gli spermatozoi sono lunghi almeno 200 µm (0,2 mm); un terzo dell'intera lunghezza del corpo dell'antica creatura.

In tutto questo tempo, sembra che la riproduzione degli ostracodi sia rimasta sostanzialmente la stessa, "un esempio fondamentale di stasi evolutiva", affermano gli autori. Il motivo di spermatozoi così grandi? Quando le femmine copulano con più di un compagno, il liquido seminale deve competere e gli scienziati pensano che avere unità più grandi possa essere più vantaggioso.

Questa scoperta è davvero notevole, non solo perché l'ambra ha preservato i tessuti molli di diversi individui per cento milioni di anni, ma anche per tutte le somiglianze che possiamo osservare oggi verso le creature attualmente esistenti.

Quanto è interessante?
3
Mondo anticoMondo anticoMondo antico