Segretario dell'ONU sul cambiamento climatico: "siamo vicini al punto di non ritorno"

Segretario dell'ONU sul cambiamento climatico: 'siamo vicini al punto di non ritorno'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, durante la Cop25, il vertice organizzato dall'ONU per discutere sul clima con i rappresentanti di quasi 200 paesi, ha dichiarato che gli sforzi dell'umanità per fermare i cambiamenti climatici sono stati "assolutamente inadeguati".

Secondo l'uomo, infatti, ci stiamo avvicinando sempre di più al "punto di non ritorno", un'idea condivisa già da molti scienziati. Parlando prima dell'inizio di una conferenza lunedì, Guterres ha affermato che l'impatto dell'innalzamento delle temperature, incluso il clima sempre più estremo, è già visibile in tutto il mondo, con conseguenze drammatiche per l'uomo e per le altre specie.

Secondo il segretario, il mondo ha già le conoscenze scientifiche e i mezzi tecnici per limitare il riscaldamento globale, quello che manca è la "volontà politica". I delegati dei quasi 200 paesi cercheranno di dare gli ultimi ritocchi alle regole che regolano l'Accordo di Parigi del 2015, durante una serie di riunioni dal 2 al 13 dicembre.

Il messaggio di Guterres, afferma l'uomo, è di speranza e non di disperazione. "La nostra guerra contro la natura deve finire e sappiamo che è possibile". Le crescenti richieste da parte dei cittadini, in particolare dei giovani, hanno dimostrato che esiste un desiderio comune per la questione del clima.

"Ciò che manca ancora è la volontà politica", ribadisce il segretario. "Volontà politica di stabilire un prezzo per il carbonio. Volontà politica di fermare i sussidi ai combustibili fossili. Volontà politica di fermare la costruzione di centrali a carbone dal 2020 in poi. Volontà politica di spostare la tassazione dal reddito al carbonio. Tassare l'inquinamento anziché le persone."

L'obiettivo di questo vertice è quello di trovare una soluzione a questi problemi. "Siamo qui per trovare le risposte per l'articolo 6, non per trovare scuse", afferma infine l'uomo.

Quanto è interessante?
7