Il Senato salva il cashback: niente sospensione, ma il futuro è incerto

Il Senato salva il cashback: niente sospensione, ma il futuro è incerto
di

La mozione sulla sospensione del cashback, presentata da Fratelli d'Italia e votata ieri al Senato, è stata bocciata. Il sistema di rimborso del Governo Conte, quindi, almeno al momento è salvo e non a rischio sospensione, ma il futuro è quanto mai incerto.

Hanno votato a favore 20 senatori, mentre in 114 hanno dato parere negativo ed 89 si sono astenuti. Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali hanno votato no, mentre Forza Italia, Lega ed Italia Viva si sono astenute.

Nonostante questo esito dei lavori, però, come dicevamo poco sopra il Governo Draghi è intenzionato a rivedere il cashback del 10% messo in campo dall'esecutivo precedente, soprattutto per bloccare i furbetti che nelle ultime settimane hanno fatto molto discutere dal momento che hanno dilazionato anche micro pagamenti per accumulare transazioni e scalare la classifica generale.

Proprio il senatore PD Antonio Misiani, nel corso del dibattito in aula ha spiegato che "il cashback è stato accolto positivamente da quasi il 70% degli italiani, ora bisogna introdurre misure migliorative per renderlo più efficace”, segno che anche tra i sostenitori c'è il sentore che la misura possa essere modificata. Obiettivo è evitare pagamenti fittizzi ed al contempo evitare rimborsi troppo generosi per coloro che hanno un alto reddito.

Quanto è interessante?
7