Hai mai sentito parlare del miele delle vespe? Bene, non sei il solo ma esiste

Hai mai sentito parlare del miele delle vespe? Bene, non sei il solo ma esiste
di

Inutile negarlo le vespe non piacciono a nessuno. Un sondaggio effettuato nel 2018, ha infatti rilevato che le vespe erano "universalmente antipatiche al pubblico". Ora però, potresti provare il loro... miele!

Non sappiamo se verrà creato un alveare robotico anche per loro, ma probabilmente l'atteggiamento negativo nei confronti delle vespe deriva dagli incontri con le comuni vespe gialle e nere che possono diventare aggressive e pungere le persone, in particolare quando le loro scorte di cibo scarseggiano.

Sebbene queste siano le vespe che gli esseri umani hanno maggiori probabilità di incontrare, costituiscono meno dell’1% delle vespe che pungono. Nel mondo esistono infatti circa 100.000 specie di vespe differenti.

Nonostante le api siano decisamente celebri per la produzione di miele, questa caratteristica non è una loro esclusiva. Le vespe mellifere messicane (Brachygastra mellifica) che potete osservare al seguente link, sono infatti una delle poche specie di vespe che producono miele su larga scala come le api, producendolo in enormi favi rigurgitando il nettare nel loro nido.

Per capire l’importanza di tale specie, è sufficiente ricordare come queste vespe furono probabilmente tra i primi impollinatori di avocado in America Centrale, decisamente prima dell’arrivo delle api.

"Sono davvero interessanti perché sono parenti molto lontani delle api mellifere, quindi geneticamente sono molto diverse, ma hanno esattamente lo stesso comportamento. Vogliamo dunque sapere se sono gli stessi geni a controllare il comportamento in entrambe le specie", ha affermato la dottoressa Elli Leadbeater dell'Institute of Zoology e della Zoological Society di Londra. Ed il sapore? É descritto come quello dello sciroppo d'acero, inoltre questo miele è perfettamente commestibile per l'uomo.

FONTE: iflscience

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi