Ecco quali sono i sintomi iniziali del coronavirus, secondo un ultimo studio

Ecco quali sono i sintomi iniziali del coronavirus, secondo un ultimo studio
INFORMAZIONI SCHEDA
di

I sintomi del nuovo coronavirus sono già noti agli scienziati, che stanno attualmente cercando un vaccino per combattere l'epidemia nel minor tempo possibile. Un recente studio su un campione di 140 pazienti ricoverati a Wuhan, la città che ha dato inizio all'epidemia, ha identificato un modello di sintomi associati al nuovo virus.

Il sintomo più comune rimane la febbre. I ricercatori dell'ospedale Zhongnan dell'Università di Wuhan, infatti, lo hanno osservato nel 99% dei pazienti nel loro studio. Altri sintomi comuni sono l'affaticamento e la tosse secca, che sono comparsi in oltre la metà dei pazienti studiati. Circa un terzo, inoltre, ha avuto dolori muscolari e difficoltà respiratorie.

Altri sintomi associati al comune raffreddore, come mal di testa o mal di gola, sono stati osservati solo in un numero limitato di casi. Imparare di più sui primi segnali del virus potrebbe aiutare i medici a identificare i casi prima che una persona si ammali gravemente. "Non sappiamo ancora l'arco di quanto sia contagiosa una persona nel corso della sua infezione", ha dichiarato a Business Insider Lauren Meyers, epidemiologa all'Università del Texas. "Non sappiamo se le persone siano infette prima che abbiano i sintomi e non siamo sicuri di quanto siano contagiose anche quando hanno i sintomi."

Il nuovo studio ha scoperto che è più probabile che il virus colpisca gli uomini più anziani con problemi di salute preesistenti. Più del 54% dei pazienti nello studio erano uomini, con un'età media di 56 anni. In media, ci sono voluti circa 10 giorni per i pazienti con casi gravi per essere ricoverati in terapia intensiva dal momento in cui sono iniziati i loro sintomi, ma è possibile che questi pazienti abbiano contratto il virus molto tempo prima che sviluppassero la febbre.

I primi sintomi "atipici" della malattia potrebbero includere anche diarrea. Il nuovo studio ha scoperto che i pazienti che sono finiti in terapia intensiva avevano più dolore addominale e perdita di appetito rispetto ai pazienti con casi più lievi. 14 pazienti, infatti, hanno sviluppato diarrea e nausea da uno a due giorni prima dell'inizio della febbre o delle difficoltà respiratorie. "Con la SARS, la diarrea non era un sintomo comune, ma si è verificato certamente in una frazione dei pazienti con la malattia", afferma infine Meyers.

Quanto è interessante?
3
Ecco quali sono i sintomi iniziali del coronavirus, secondo un ultimo studio