Sirene morte sulle rive del fiume Po: che cosa sta succedendo?

Sirene morte sulle rive del fiume Po: che cosa sta succedendo?
di

Le attiviste di Extinction Rebellion hanno sicuramente catturato l'attenzione. Il loro è un messaggio molto importante che in questo caso ci riguarda da molto vicino, e che non possiamo più ignorare.

L'Italia sta attraversando uno dei periodi più bui legati al clima e la siccità nelle risaie della Pianura Padana ne è un esempio. Le conseguenze che il cambiamento climatico sta portando, sono oramai tangibili e concrete. In virtù di questo, le attiviste di Extinction Rebellion, qualche giorno fa, hanno voluto lanciare un messaggio forte e diretto. Si sono infatti sdraiate vicino alla sorgente del Po, il grande fiume piemontese che ormai sta rapidamente scomparendo, travestite da sirene morte.

Si tratta di un messaggio chiaro, atto a richiamare l'attenzione sulla gravissima condizione che sta vivendo non solo l'Italia ma tutto il mondo. Secondo gli attivisti, tale situazione deve essere affrontata soprattutto dagli enti regionali con interventi mirati atti a contrastare gli effetti irreparabili del cambiamento climatico.

Purtroppo ci troviamo dinanzi ad una situazione realmente grave che non può più essere sottovalutata. Il deficit idrico è peggiorato talmente tanto da richiamare lo stato di emergenza, così come la secca torinese che si è allargata a vista d'occhio e che ad oggi si presenta invasa dalle alghe.

Nello specifico, il fiume Po ha registrato un nuovo record negativo di portata, quest'ultima, dall'ultimo rilevamento è risultata pari a 160,48 metri cubi al secondo ovvero il 32% in meno rispetto al precedente record negativo del 2006.

Le ripercussioni purtroppo, non si registrano solo ed esclusivamente sul piano ambientale. La crisi idrica colpisce anche le centrali idroelettriche , oltre l'immenso danno sulla flora e fauna causato dalla siccità. Ecco dunque che i cambiamenti climatici si ripercuotono su praticamente ogni settore, ed in breve tempo i danni saranno irreversibili.

Quanto è interessante?
6