Siri manda un ragazzino a quel paese

di

La funzionalità di cui tutti i possessori di un iPhone 4S vanno molto fieri, nonchè quella più invidiata da chi non ha la fortuna di possedere l'ultimo melafonino sta facendo parlare sempre più spesso di si, sia in bene, che in male. L'ultima novità arriva da Londra: Charlie, un ragazzino inglese di 12 anni, ha posto all'assistente vocale di Apple una domanda tutto sommato abbastanza scontata per ragazzini di quella età, ovvero "Quante persone ci sono al mondo?", fin quì, ovviamente, nulla di strano, ma Siri ha seccamente risposto al ragazzino di non essere sicuro di aver capito bene la domanda, consigliando a Charlie di "chiudere quella c*** di bocca, brutto c******e".

La madre del ragazzino, inorridita dall'accaduto, ha creduto di non aver capito bene la risposta, tant'è che ha riformulato la domanda all'assistente vocale, ricevendo, però, la stessa frase come risposta. Sembra, però, che la colpa non sia di Siri, ma di qualche burlone che ha riprogrammato gli iPhone 4S in esposizione in un negozio di Londra della catena Tesco. Il dispositivo è stato inviato ad Apple così da effettuare un test diagnostico, cercando di individuare l'origine del problema.

Quanto è interessante?
0