Snapchat non promuoverà più l'account di Donald Trump: "incita alla violenza razziale"

Snapchat non promuoverà più l'account di Donald Trump: 'incita alla violenza razziale'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Si allarga la frangia dei social network che stanno decidendo di non promuovere i tweet del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Nella serata di ieri alla lista si è aggiunto anche Snapchat, che ha fatto sapere di aver "smesso di promuovere i messaggi del presidente" a causa dei suoi commenti sulle proteste di Minneapolis.

In una nota diffusa dal gruppo si legge che "non stiamo più promuovendo i contenuti del Presidente sulla piattaforma Discover di Snapchat. Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza ed all'ingiustizia razziale dando loro una promozione gratuita su Discover. La violenza e l'ingiustizia razziale non hanno alcun posto nella nostra società e stiamo dalla parte di coloro che cercano pace, amore, uguaglianza e giustizia in America".

La decisione è stata presa dopo che nel weekend Trump in un tweet ha minacciato l'uso di "cani feroci" contro i manifestanti che hanno protestato nei pressi della Casa Bianca.

A stretto giro di orologio è arrivata la replica di Brad Parscale, il responsabile della campagna elettorale di Trump, il quale ha accusato Snapchat di "tentare di truccare le elezioni del 2020 usando illegalmente i finanziamenti per promuovere Joe Biden e reprimere il presidente Trump. Evan Spiegel, CEO di Radical Snapchat, preferirebbe promuovere video di rivolte di estrema sinistra ed incoraggiare i propri utenti a distruggere l'America piuttosto che condividere le parole positive di unità, giustizia, legge ed ordine del nostro presidente. Snapchat odia il fatto che tanti utenti guardino i contenuti di Presidente".

L'account di Trump ha oltre 1,5 milioni di follower, e non sarà cancellato.

La scorsa settimana si è consumato un aspro scontro tra Donald Trump e Twitter, che aveva etichettato come fuorviante uno dei messaggi del Presidente, il quale dal suo canto ha immediatamente risposto con un ordine esecutivo contro i social network.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
4