Il Sole ha appena sprigionato uno dei "flare" più potenti degli ultimi anni

Il Sole ha appena sprigionato uno dei 'flare' più potenti degli ultimi anni
di

Il nostro Sole è una stella piuttosto tranquilla, ma qualche volta può capitare un brillamento (flare) più violento della media, causando problemi perfino sulla Terra. È quello che è successo esattamente due giorni fa, e non accadeva da un bel po' di anni.

Il tutto è avvenuto precisamente alle 16:29 ora italiana del 3 luglio 2021, mentre gli Stati Uniti si preparavano ad affrontare la vigilia del Giorno dell'Indipendenza. L'evento ha preso origine da una macchia solare sulla superficie della nostra stella denominata "AR2838".

I funzionari dello Space Weather Prediction Center - una delle autorità più accreditate per lo studio e il monitoraggio delle condizioni solari - avevano notato che tale macchia si stava sviluppando molto velocemente, apparendo e formandosi in pochissimi giorni, per poi esplodere in un vero e proprio brillamento di classe X 1,5.

I brillamenti solari sono divisi in diverse classi energetiche. Andando dalla più debole (e innocua) alla più potente (e pericolosa) abbiamo: A, B, C, M e X. Ognuna di queste può essere accompagnata da un numero che ne stabilisce con più precisione l'intensità. X 1,5 è uno dei flare più violenti mai registrati negli ultimi anni.

Un tale evento non si verificava dal 2017, ma ciò è comunque in linea con quello che si aspettavano astronomi e scienziati in quanto il ciclo solare ha dei ritmi ben serrati: ogni 11 anni terrestri il Sole completa un intero Ciclo, passando dal minimo, poi al massimo, e poi di nuovo al minimo.

Come si può immaginare, l'evento ha anche creato diversi effetti collaterali sulla Terra: nulla di gravissimo o di catastrofico (come potrebbe succedere con un altro Evento di Carrington) ma ci sono stati diversi black out radio e le frequenza in AM sono state inutilizzabili per diverso tempo.

La nostra atmosfera e il nostro campo magnetico sono ottimi difensori contro questi violenti attacchi solari, e faranno bene il loro lavoro per moltissimi milioni di anni a seguire. Ma gli eventi di classe X sono estremamente insidiosi, e non a caso ci sono diverse missioni spaziali per cercare di "predire" la loro attività.

Crediti d'immagine: Solar Dynamics Observatory, 3 luglio 2021, NASA.

Quanto è interessante?
8
Il Sole ha appena sprigionato uno dei 'flare' più potenti degli ultimi anni