di

Sony ha annunciato oggi il nuovo iMX500, il primo sensore d'immagine al mondo che integra un chip logico basato sull'intelligenza artificiale, che permetterà ai produttori di mettere tra le mani degli utenti una fotocamera veloce, economica, sicura ed intelligente.

Secondo quanto affermato dalla società giapponese, l'IMX500 è in grado di eseguire operazioni di machine learning senza necessitare di hardware aggiuntivi. E' bene precisare che è altamente improbabile che questo chip venga implementato in dispositivi consumer come smartphone e tablet nell'immediato futuro: Sony ha precisato che inizialmente si rivolgerà a rivenditori e clienti industriali, ed infatti Mark Hanson si è riferito direttamente ai negozi Amazon Go che si basano esclusivamente sull'utilizzo dell'intelligenza artificiale per riconoscere gli oggetti ed i clienti a cui addebitare il costo. Il dirigente a riguardo ha affermato che l'adozione della tecnologia Go ha subito un rallentamento proprio a causa dei costi esorbitanti degli hardware necessari per garantire il corretto funzionamento, ed il sensore in questione mira proprio a risolvere questo problema.

Sony ha guardato anche alla privacy, oltre che al contenimento dei costi. Il chip per l'IA può essere integrato direttamente sul retro del sensore dell'immagine, per effettuare il rilevamento degli oggetti dal dispositivo, senza la necessità di inviare i dati sul cloud o ad un processore. Il sensore è in grado di eseguire l'analisi necessaria e produrre i metadati.

Nel corso della presentazione è stato sottolineato che un altro utilizzo potenziale per questo sistema è l'automazione industriale, in cui i sensori sono fondamentali per aiutare i co-robot. L'IMX500 è anche caratterizzato da un'elevata velocità di elaborazione rispetto a molte altre fotocamere che utilizzano l'AI: è in grado di riconoscere un'immagine con un singolo fotogramma in soli 3,1 millisecondi. In confronto, quelli delle società concorrenti richiedono centinaia di millissecondi o anche secondi.

Trattandosi di un primo prototipo, attualmente è in grado funzionare solo con algoritmi di base, il che vuol dire che ancora non può essere implementato in un'auto a guida autonoma, ad esempio.

Il chip pixel è retroilluminato ed ha una risoluzione di 12,3 megapixel, e supporta la registrazione video in 4K a 60fps, che scendono a 30fps se viene utilizzata l'elaborazione con l'IA.

Il prezzo dei primi campioni inviati ai produttori è di 93 Dollari, ma il debutto sul mercato è previsto solo nel primo trimestre del 2021.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
5