di

Si è concluso con successo il primo lancio, ampiamente pianificato, della capsula Crew Dragon di SpaceX, la compagnia di Elon Musk che questa mattina ha mandato in orbita per la prima volta la nuova navicella dal sito di lancio di Cape Canaveral, in Florida.

Si tratta di un successo importantissimo, che segna un passo in avanti fondamentale per il trasporto dei passeggeri nello spazio.

La riuscita di questa missione, ovviamente senza equipaggio, in futuro potrebbe permettere non solo alla NASA di affidarsi alla compagnia di Elon Musk per inviare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, riducendo quindi la dipendenza da compagnie pubbliche come la Roscosmos della Russia e la navicella Soyuz, ma apre le porte anche al turismo spaziale, che rappresenta il grande obiettivo dell'eccentrico amministratore delegato sudafricano.

La capsula, ora in orbita attorno alla Terra, tenterà di attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale nella prima mattinata di domani.

Elon Musk non può che festeggiare per questo importante risultato raggiunto. La Crew Dragon infatti è un pezzo cruciale del programma commerciale della NASA, che ruota intorno allo sviluppo di veicoli spaziali privati per inviare persone da e verso l'ISS. Tramite questo programma, che vede la partecipazione delle società private Boeing e SpaceX, sono state sviluppate due capsule che saranno in grado di portare gli astronauta della NASA nello spazio per poi riportarli sulla Terra.

Nel momento in cui la Crew Dragon attraccherà alla Stazione Spaziale Internazionale, gli astronauti Annie McClain della NASA, David Saint-Jacques dell'Agenzia Spaziale Canadese ed il cosmonauta russo Oleg Kononenko, entreranno nella capsula per recuperare più di 400 chilogrammi di carico, e saluteranno Ripley, il manichino presente all'interno della navicella. I tre membri dell'equipaggio eseguiranno vari test sulla Crew Dragon per vedere se il veicolo sia in grado di reggere all'ambiente spaziale.

L'inizio del viaggio di ritorno verso la Terra è previsto per venerdì prossimo. A questo punto un sistema di paracaduti entrerà in azione per rallentare la capsula durante la sua discesa, permettendogli di immergersi in sicurezza nell'Oceano Atlantico vicino alla Florida. Qui un veicolo di recupero di SpaceX recupererà la Crew Dragon.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
4