Sparatoria Texas, Cloudflare abbandona 8chan: "Pozzo pieno d'odio"

Sparatoria Texas, Cloudflare abbandona 8chan: 'Pozzo pieno d'odio'
di

Cloudflare, l'infrastruttura online che aiuta i siti web a mitigare gli attacchi DDoS, ha annunciato che interromperà il suo servizio per 8chan a seguito delle sparatorie nazionaliste di El Paso, in Texas, dello scorso fine settimana.

I proprietari della piattaforma di messaggistica anonima sono già stati informati della decisione di Cloudflare, il che non rappresenta una buona notizia in quanto di fatto spalanca le porte ad attacchi DDoS che potrebbero portare alla chiusura definitiva del sito. Ad oggi non è chiaro se i proprietari di 8Chan abbiano già trovato un nuovo servizio di sicurezza per sostituire quello di Cloudflare o meno.

Le accuse mosse dall'amministratore di Cloudflare, Matthew Prince, sono pesantissime ed in un post pubblicato nella serata di ieri ha affermato che "8Chan ha ripetutamente dimostrato di essere un pozzo nero dell'hate speech", ed ha accusato i gestori di non essere stati in grado di moderare una "community piena d'odio". Nella lunga dichiarazione Prince punta il dito contro 8Chan anche per l'attentato terroristico di Christchurch, "che è stato glorificato in discussioni non moderate".

"Il sospetto assassino della sparatoria nella sinagoga di Poway, California, ha anche pubblicato una lettera aperta piena d'odio su 8Chan, che si è dimostrato essere un pozzo nero dell'odio" è l'accusa mossa dal CEO di Cloudflare.

Il fondatore di 8Chan, Frederik Brennan, su Twitter ha ringraziato la società per aver interrotto il servizio, ed ha affermato che "finalmente questo incubo è finito".

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
2