Le spaventose conseguenze del riscaldamento globale in una immagine dell'Antartide

Le spaventose conseguenze del riscaldamento globale in una immagine dell'Antartide
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Quando pensiamo all'Antartide, quello che ci viene subito in mente sono le proibitive temperature che esistono in questo luogo, che non permetterebbero a nessuna forma di vita - a parte quelle specializzate - di viverci. Tuttavia, le temperature si sono fatte così calde che sarebbe possibile andare a fare un giro in felpa e maglietta.

La temperatura media annuale dell'area centrale del continente si attesta intorno ai -57 gradi Celsius, mentre la temperatura della costa intorno ai -10 °C. Il 6 febbraio, però, la stazione meteorologica di Esperanza Base nella penisola antartica ha registrato la temperatura più calda mai registrata sulla terraferma: 18.3 °C.

Quest'ultima ondata di calore è durata circa una settimana e le immagini di Eagle Island, scattate dall'Operational Land Imager su Landsat 8 (un satellite di osservazione della Terra), hanno ora catturato le deprimenti conseguenze di queste temperature. L'isola in questione si trova al largo della costa di Graham Land nella penisola antartica; in questo luogo, una grande quantità della calotta di ghiaccio si è sciolta nel mare, mentre le aree verso il centro dell'isola hanno visto formarsi piccoli laghetti di ghiaccio fuso.

"Non ho mai visto stagni di fusione svilupparsi così rapidamente in Antartide", afferma Mauri Pelto, un glaciologo del Nichols College. "Vedi questo tipo di eventi di scioglimento in Alaska e Groenlandia, ma non in Antartide." Questi eventi non sono tipici dei modelli meteorologici antartici, anche se sono diventati più comuni di recente. In totale, la neve su Eagle Island ha avuto oltre 10 centimetri di fusione nell'arco di pochi giorni, tra il 6 febbraio e l'11 febbraio.

La situazione diventa più grave ogni giorno che passa.

Quanto è interessante?
5
Le spaventose conseguenze del riscaldamento globale in una immagine dell'Antartide