Questa specie, considerata estinta, è stata ritrovata nella foresta pluviale

Questa specie, considerata estinta, è stata ritrovata nella foresta pluviale
di

L’indiziato di questa “resurrezione” è il camaleonte pigmeo di Chapman, un minuscolo rettile di appena 5 centimetri, originario della foresta pluviale del Malawi, noto come la specie più piccola della sua famiglia. Ritenuto fino ad oggi estinto, a causa della deforestazione, sono stati rinvenuti svariati esemplari durante una recente spedizione.

Questa specie fu identificata per la prima volta nel 1992 dall’erpetologo Colin Tilbury e già allora il Malawai era soggetto a gravi problematiche di deforestazione, che mettevano in pericolo la specie. Per questo motivo, nel 1998, un certo numero di esemplari di camaleonti pigmei fu introdotto nelle foreste della regione di Mikundi. Fino al 2012, secondo i rilevamenti di Tilbury, i camaleonti erano ancora presenti nell’area dove erano stati impiantati ma due anni più tardi , non trovando più alcun esemplare, furono considerati estinti.

Grazie ad un nuovo studio, condotto dal team guidato da Krystal Tolley del South African National Biodiversity Institute, è stato possibile verificare la presenza di piccole popolazioni della specie in porzioni di foresta non interessate dalla deforestazione. La reazione degli studiosi è stata euforica, poiché il ritrovamento ha portato alla luce 10 camaleonti adulti sulle colline del Malawi e la bellezza di altri 32 esemplari nella zona del Mikundi.

I ricercatori hanno prelevato dei campioni di tessuto dagli animali, avviando le prime analisi genetiche. Queste hanno rivelato la presenza di una normale varianza della diversità genetica nelle singole aree dei ritrovamenti. Una volta paragonati i risultati delle diverse zone, però, è stato evidenziato un certo grado di differenza tra le popolazioni di camaleonti delle diverse aree, suggerendo che le attività antropiche di deforestazione, isolando gruppi della popolazione in porzioni sempre più ristrette, stessero riducendo la capacità riproduttiva della specie tra aree vicine. Ciò, secondo gli autori dello studio, potrebbe provocare un impatto significativo su questa specie a rischio.

"È necessaria un'azione urgente di conservazione, compreso l'arresto della distruzione delle foreste e il ripristino dell'habitat per promuovere la connettività.“ hanno affermato gli autori dello studio.

I ricercatori, inoltre, richiamano ad un’attenzione immediata nei confronti della deforestazione a causa dei pericoli a cui è soggetta la foresta pluviale, così da salvaguardare la sua incredibile biodiversità e questa specie di camaleonte, che stavolta rischia di scomparire definitivamente.

FONTE: Cnn
Quanto è interessante?
6