Quali sono le specie a rischio di estinzione? Ce ne informa il WWF

Quali sono le specie a rischio di estinzione? Ce ne informa il WWF
di

Le condizioni climatiche ideali e la biodiversità animale e vegetale che ci circonda non sono solo esempio dell'equilibrio perfetto tra componenti abiotiche e biotiche, ma rappresentano un tesoro che l’essere umano ha l’obbligo morale di difendere. Partendo da questo presupposto, conoscete quali sono le specie a rischio di estinzione?

Tutti conosciamo il WWF, l’organizzazione benefica di stampo ambientalista volta alla preservazione e alla salvaguardia della natura e delle specie animali che la abitano. Sulla base della classificazione del rischio valutata dall’ Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), il WWF ha stilato un elenco in cui sono presenti diverse specie che oggi sono a rischio di estinzione.

Tra queste sono presenti due appartenenti al ramo delle grandi scimmie, ovvero i Gorilla e gli Oranghi, entrambe attestate al grado di rischio di pericolo critico. Il primo è uno degli esponenti dei primati più vicini evolutivamente all’uomo ed abitante delle aree centro occidentali africane. La minaccia più grande per il gorilla è rappresentata dal bracconaggio che ne ha decimato la popolazione, portandola al declino. L’orango, invece, localizzato nelle foreste del Borneo e di Sumatra, si trova in questa categoria di rischio a causa della riduzione del suo habitat da parte delle sempre più incombenti problematiche ambientali in combinazione a cause antropiche, come deforestazione e incendi.

Andando avanti nella lista delle specie in pericolo troviamo la Tigre, il felino più grande del pianeta ed attualmente soggetto a monitoraggio per la sua valutazione di rischio. Con un areale che si estende dalla Russia alla Thailandia, passando per India e Cina, è da sempre stata oggetto di caccia per ragioni di sport, paura e per le aggressioni al bestiame.

Spostandoci dalla terraferma al mare, incappiamo in una specie endemica dell’oceano atlantico e del mediterraneo, il Tonno rosso, che , a causa delle tecniche di pesca sfrenata e sconsiderata, attualmente ha un grado di valutazione IUCN che lo incasella nelle specie in pericolo. Infine abbiamo un altro mammifero, tipico del Mediterraneo e delle coste africane dell’Atlantico. Stiamo parlando della Foca monaca, uno dei mammiferi marini più minacciati al mondo, con l'esiguo numero di 500 esemplari.

Grazie al lavoro di queste organizzazioni benefiche, attive nel monitorare le specie animali sul pianeta, tutti noi possiamo essere consapevoli dei pericoli, annunciati anni orsono dai primi modelli sui cambiamenti climatici, a cui l'ambiente è esposto. Così facendo sarà possibile focalizzare gli sforzi per contribuire, anche nel nostro piccolo, alla salvaguardia del bene più prezioso che abbiamo, il nostro ecosistema.

FONTE: Wwf
Quanto è interessante?
8