di

Di eclissi solari ne abbiamo viste tante qui sulla Terra, tutte suggestive e tutte sempre emozionanti, anche quando si tratta di quelle parziali. Oggi, però, ne osserviamo una che ha dell'incredibile: ci troviamo su Marte, e a transitare davanti al Sole è la curiosissima luna Phobos.

Qualche giorno fa il rover Perseverance della NASA è riuscito in un'impresa a dir poco eccezionale: mediante la Mastcam-Z, la telecamera di bordo equipaggiata sul rover più avanzato di sempre, è stato possibile osservare un'eclissi di Sole dal Pianeta Rosso, con un livello di dettaglio e di zoom come mai prima d'ora.

Sia la qualità, sia il frame rate elevato rendono il video che trovate in questa news un pezzo da record per la NASA e per l'esplorazione spaziale in generale. Prima di Perseverance, infatti, erano state osservate altre eclissi solari marziane, ma mai così chiaramente.

La particolarità di questa ripresa - che subito richiama all'attenzione - è la quanto mai curiosa forma della luna Phobos, uno dei due satelliti naturali di Marte. Si può notare come sia poco irregolare e presenti delle vere e proprie protuberanze qui e là, facendolo assomigliare molto di più ad una "patata" spaziale.

Il video è stato acquisito lo scorso 2 aprile, ovvero quando Perseverance era al suo 397° giorno marziano di missione. L'eclissi è durata circa 42 secondi, il che la rende molto più breve di una tipica eclissi solare terrestre (che coinvolge la Luna). Tra le tante cause di questa discrepanza vi è non solo la velocità di rivoluzione di Phobos intorno a Marte, ma anche la sostanziale differenza tra le dimensioni: Phobos è molto più piccola rispetto alla nostra Luna di circa 157 volte.

Ma come mai il rover della NASA ha puntato lo sguardo al cielo invece di continuare ad indagare e crivellare le rocce di Marte? Può capitare che gli scienziati uniscano l'utile al dilettevole, e la Mastcam-Z di Perseverance può svolgere molte funzioni utili: questa osservazione servirà agli ingegneri e astrofisici di tutto il mondo (insieme a molti altri dati), per studiare il cambio dell'orbita di Phobos, ma non solo.

La gravità della piccola luna esercita forze di marea all'interno del Pianeta Rosso, deformando leggermente la roccia nella crosta e nel mantello del pianeta. Queste forze sono un tira e molla continuo che aiutano i geofisici a studiare meglio la flessibilità dell'interno di Marte, scoprendo di più sulla sua composizione.

Insomma, questo ci fa capire quanto un semplice video "figo" di un'eclissi solare marziana possa in realtà nascondere una grande mole di Scienza.

FONTE: NASA
Quanto è interessante?
3