Spotify: è corsa contro il tempo per il rinnovo dei diritti delle major

di

In attesa dell’approdo in borsa, che dovrebbe avvenire nel 2017, Spotify si trova costretto ad affrontare un problema di non poco conto, he potrebbe favorire in maniera importante la concorrenza, Apple Music in primis.

Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal, infatti, la società svedese almeno al momento non avrebbe tra le mani la certezza di poter rinnovare i contratti con le major discografiche, al punto che si starebbe andando avanti a rinnovi mensili.
I manager della compagnia, infatti, attualmente garantiscono la metà dei ricavi alle case discografiche, ma proprio in vista dell’IPO del prossimo anno vorrebbero diminuire la quantità di denaro da versare nelle casse degli artisti, al fine di migliorare la situazione economica. Da questo punto di vista Apple, che con Music non ha alcuna natura gratuita (ad eccezione dei tre mesi iniziali), può pagare il 58%.
In termini di abbonati, Music ha 16 milioni di clienti, contro i 30 (su 100) milioni di Spotify. Un vantaggio rassicurante, ma che potrebbe assottigliarsi qualora dovesse entrare in gioco anche Amazon, che a giudicare dai rumor degli ultimi giorni starebbe pensando di lanciare un abbonamento mensile da 5 Dollari per chi utilizzerà l’altoparlante Echo.

Quanto è interessante?
0