Spotify vuole diminuire assunzioni: report parla di "incertezza economica"

Spotify vuole diminuire assunzioni: report parla di 'incertezza economica'
di

Sempre più titani della tecnologia si stanno "rassegnando" all’idea che è necessario ridurre il numero di dipendenti al loro interno: durante maggio 2022 Meta ha annunciato di voler diminuire le assunzioni in futuro, ma della stessa opinione è Spotify, il servizio di streaming musicale di riferimento in tutto il mondo.

Secondo un recente rapporto pubblicato da Bloomberg, la società svedese avrebbe diffuso internamente un memo nel quale sarebbe stata annunciata la riduzione del 25% delle nuove assunzioni; non è chiaro, al momento, quali divisioni siano destinate a sentire l’impatto di questa decisione. La ragione, invece, riguarderebbe una “crescente incertezza sull'economia globale”.

Tutto ciò suona piuttosto strano se si considera che lo scorso aprile Daniel Ek e soci hanno pubblicato i risultati trimestrali svelando che gli abbonati Premium sono cresciuti del 15%, portando così a una crescita solida della piattaforma. Molto probabilmente il calo delle assunzioni è dovuto, pertanto, dal semplice raggiungimento di uno stato di relativa stabilità per cui non risulta necessario assumere molto personale nei prossimi mesi.

Bisogna ricordare, del resto, che Spotify ha gli occhi puntati sugli audiolibri: la crescita di questa categoria di contenuti ha portati il CEO Daniel Ek e il capo della sezione audiolibri Nir Zicherman ad ammettere che si tratta di una occasione imperdibile per l’azienda e la sua piattaforma di streaming. Insomma, servirà ulteriore personale specializzato al fine di cogliere l’attimo.

Sarà interessante vedere, dunque, l’impatto di questa presunta decisione da parte di Spotify.

FONTE: Bloomberg
Quanto è interessante?
2