Sputnik V è il primo vaccino ad avere un suo profilo Twitter: propaganda o influencer?

Sputnik V è il primo vaccino ad avere un suo profilo Twitter: propaganda o influencer?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Twitter ha una nuova star: è il vaccino russo Sputnik V, di cui si è molto parlato negli ultimi tempi e si sta discutendo anche in Italia in vista di una futura approvazione. Il profilo ufficiale dello Sputnik V è molto attivo e diffonde quotidianamente informazioni e dati.

Collegandosi al profilo SputnikVaccine, si può notare come si tratti di un account verificato, con tanto di spunta blu da parte di Twitter: mai prima d'ora un vaccino aveva avuto un profilo verificato. Nella registrazione si legge che "Sputnik V è il primo vaccino per il Covid-19 al mondo registrato con un'efficacia comprovata del 91,6%, è sviluppato dal Gamaleya Research Institute ed approvato in 56 paesi".

Quotidianamente vengono condivise informazioni sull'efficacia, ma anche sulle nazioni in cui è stato somministrato ed altro, ma chi c'è dietro questo apparente influencer farmaceutico?

Secondo alcuni studi condotti dall'intelligence americana, il profilo dello Sputin V sarebbe utilizzato come un classico canale di propaganda statale sponsorizzata dalla Russia, con l'obiettivo di "legittimare un vaccino di cui l'Europa nutre seri dubbi, poichè non ha ancora ottenuto dati sulla sicurezza ed efficacia", ha affermato Justice Chase di Intouch Solution.

L'account è legittimo e non viola in alcun modo le linee guida di Twitter, ma il Wall Street Journal rileva che la popolarità potrebbe essere cresciuta di recente nell'ambito della strategia della Russia che, a giudicare dalle analisi effettuate, starebbe spargendo fake news sugli altri vaccini per spingere l'approvazione dello Sputnik V. I funzionari del Cremlino, ovviamente, hanno negato le accuse al WSJ, ma i dubbi ci sono.

Lo scorso novembre la Russia ha diffuso i primi dati sull'efficacia dello Sputnik V, che sarebbe superiore al 90%.

Quanto è interessante?
2