Gli squali delle barriere coralline sono sempre più minacciati dall'antropizzazione

Gli squali delle barriere coralline sono sempre più minacciati dall'antropizzazione
di

Uno studio mette in evidenza che in numerose barriere coralline, in tutto il mondo, la popolazione di squali si è molto ridotta e, in alcuni casi più gravi, probabilmente è persino assente del tutto.

Gli scienziati del Global FinPrint, che si occupa di monitorare gli squali che vivono nelle barriere coralline, hanno stimato che molti squali sono assenti da moltissime barriere coralline sparse per tutto il mondo. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature e, su 371 barriere coralline di 58 paesi diversi, circa il 20% era priva di squali. Lo studio è stato eseguito utilizzando ben 15000 postazioni video che trasmettevano, in remoto, le immagini delle barriere coralline. Attraverso questi video è stato possibile osservare la presenza o meno di squali in determinate zone e, in questo modo, gli scienziati sono giunti a scoprire che la popolazione di squali, soprattutto in determinate zone, sta lentamente diminuendo.

In particolare, le zone dove questa diminuzione è più accentuata sono quelle in cui non vi è un forte governo o in quelle nazioni dove la popolazione è molto numerosa. Stati nazionali in cui vi è una forte densità di popolazione, infatti, hanno una abbondante pesca ed è proprio la pesca uno dei fattori che danneggiano le popolazioni di squali. Se a questo aggiungiamo la scarsità di fondi che queste nazioni mettono in campo per preservare questi animali, ecco che le specie che vivono nelle barriere coralline vedranno una diminuzione del loro numero. Tra le zone studiate vi sono anche delle eccellenze, come per esempio in Australia, dove la conservazione e le regole di pesca hanno favorito la proliferazione degli squali di barriera.

Ci dicono gli scienziati che hanno partecipato allo studio che sono proprio l’introduzione di regole per la pesca, la creazione di santuari e aree protette per questi animali che ne favoriscono lo sviluppo. La situazione rimane comunque difficile anche perché a peggiorare le cose vi sono anche gli effetti del cambiamento climatico ma, per fortuna, siamo ancora in tempo per invertire la tendenza e aiutare queste specie a prosperare all’interno dell’ecosistema in cui vivono.

Quanto è interessante?
4