Startup vuole scavare buco profondo 20 km per ottenere energia illimitata: ecco come

Startup vuole scavare buco profondo 20 km per ottenere energia illimitata: ecco come
di

Il buco più profondo mai scavato dall’umanità, denominato “pozzo superprofondo di Kola”, fu un esperimento incredibile avvenuto durante l’intera Guerra Fredda, ma a breve qualcuno potrebbe tentare di superarlo immergendosi nella crosta terrestre molto più di quanto chiunque altro abbia mai fatto.

La società energetica Quaise ha infatti ottenuto un finanziamento pari a 63 milioni di Dollari nel primo round aperto agli investitori, complice l’interessante e promettente progetto che vuole realizzare: riscoprire l’energia geotermica con un nuovo pozzo profondissimo, tale da fornire energia illimitata alla popolazione.

Il pozzo superprofondo di Kola attualmente tocca la profondità a 12,3 chilometri, una quota ancora più profonda rispetto alla Fossa delle Marianne, ma Quaise vuole superare ulteriormente tale profondità sfidando le temperature superiori a 180 gradi Celsius con strumenti mai visti prima.

Il vero punto di forza di Quaise consiste infatti nell’utilizzo di fasci di radiazione elettromagnetica emessi da dispositivi chiamati “girotroni”, pensati per scuotere elettroni ad alta velocità una volta collegati a utensili da taglio, affinché gli atomi si fondano insieme. Così facendo, Quaise prevede che i pozzi possano raggiungere profondità di circa 20 chilometri nel giro di pochi mesi, toccando quota 500 gradi Celsius cosicché l’acqua pompata possa generare vapore, ergo elettricità.

L’azienda spera infine di poter rilevare le vecchie centrali elettriche a carbone entro il 2028 trasformandole in impianti geotermici con questo stratagemma. Nonostante i numerosi ostacoli dinanzi Quaise, anche il CEO Carlos Araque è colmo di speranza: riuscirà a realizzare questo sorprendente progetto fornendo energia illimitata alla popolazione globale? Staremo a vedere.

A inizio febbraio abbiamo visto, invece, un metodo per ottenere energia solare senza sprechi.

Quanto è interessante?
3