La nostra stella è entrata nel suo "minimo solare", ma non c'è nulla di cui preoccuparsi

La nostra stella è entrata nel suo 'minimo solare', ma non c'è nulla di cui preoccuparsi
di

Nulla di apocalittico. Sta arrivando il minimo solare, un periodo nel ciclo di 11 anni del Sole dove l'attività delle macchie solari e dei flare tende a diminuire. Non sappiamo esattamente quando si verificherà il prossimo minimo solare, ma possiamo prevederlo ampiamente. Nel 2017, la NASA notò che il minimo solare era previsto nel 2019-2020.

Il ciclo solare si basa sul campo magnetico del Sole, che gira ogni 11 anni, con i suoi poli magnetici nord e sud che si scambiano di posto. Non è noto ciò che guida questi cicli, ma i poli cambiano quando il campo magnetico si trova al suo punto più debole, noto anche come minimo solare. Poiché il campo magnetico del Sole controlla l'attività solare (macchie solari, espulsioni di massa coronale e brillamenti) il ciclo è rilevabile per noi solo quando tale attività cambia.

Al minimo solare, la radiazione ultravioletta solare diminuisce, ma l'effetto di ciò colpisce principalmente la stratosfera e le quote più elevate della Terra. Al contrario, durante un massimo solare, potremmo vedere più attività delle aurore, una maggiore attività solare può anche influenzare le comunicazioni radio e i nostri satelliti di navigazione. Le persone che osservano da vicino la nostra stella, inoltre, vedranno più macchie solari.

Una ricerca pubblicata sul The Astrophysical Journal ritiene che le temperature della Terra diminuiranno mediamente di 0,5 °C in questo periodo. Tuttavia, a causa delle emissioni dell'uomo l'effetto di questo "raffreddamento" sarà impercepibile.

Quanto è interessante?
6