Steve Wozniak si esprime sull'eventuale backdoor di iOS

di

In un Q&A tenuto su Reddit, il co-fondatore di Apple, Steve Wozniak, si è espresso anche sulla spinosa questione riguardante la possibile costruzione da parte della sua società di un backdoor per iOS, al fine di consentire all'FBI di sbloccare l'iPhone del killer di San Bernardino.

Woz si è schierato dalla parte di Apple, che secondo lo stesso non starebbe facendo altro che “difendere la privacy dei propri utenti”.
Il programmatore ha lodato la perseveranza con cui Apple sta difendendo le proprie ragioni, in quanto secondo lo stesso sta mantenendo la parola data dagli utenti a cui ha promesso sin da subito di proteggere da eventuali attacchi e spionaggio.
Sono cresciuto in un momento in cui la Russia comunista di Stalin stava spiando tutti ed arrestava le persona per qualsiasi cosa. Abbiamo ottenuto la Carta dei Diritti, a cui sono molto legato. Questa afferma che le persone vanno protette dalle persone cattive. Quindi, io sono a favore delle libertà personali. Ma ci sono anche altri problemi. Due volte nella mia vita ho scritto cose che sarebbero potute diventare virus. Ho buttato via ogni bit del codice sorgente dal momento che erano pericolose e se vengono scritte in un prodotto Apple, potrebbero consentire alle persone cattive di ottenere l'accesso ad informazioni riservate”.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
0