Nello stomaco di un super-predatore di 240 milioni di anni è stato trovato un rettile

Nello stomaco di un super-predatore di 240 milioni di anni è stato trovato un rettile
di

Pesce grande mangia quello più piccolo. È la legge della natura ed è sempre stato così, anche se può capire qualche piccola sorpresa occasionalmente. Non è il caso di oggi e dei ricercatori in Cina hanno scoperto un ittiosauro, vecchio 240 milioni di anni, con all'interno dello stomaco un talattosauro di circa 3.5 metri.

L'ittosauro, soprannominato Guizhouichthyosaurus nel 2010, era lungo 4.5 metri e ha divorato prima di morire l'altro rettile. "Non abbiamo mai trovato resti articolati di un grande rettile nello stomaco di giganteschi predatori dell'era dei dinosauri, come rettili marini e dinosauri", afferma il professor Ryosuke Motani dell'UC Davis, coautore dello studio pubblicato sulla rivista iScience. "Abbiamo sempre indovinato dalla forma dei denti e della mascella che questi predatori si nutrivano di grandi prede, ma ora abbiamo prove dirette".

Gli ittiosauri avevano corpi paragonabili al tonno dei giorni nostri, ma respiravano aria come balene o delfini. I ricercatori hanno notato una massa di ossa aggiuntive nello stomaco del campione, trovato nella provincia cinese di Guizhou nel 2010, e le hanno identificate come appartenenti a un'altra specie di rettile marino noto come Xinpusaurus xingyiensis.

Gli esperti sono convinti che il Guizhouichthyosaurus abbia utilizzato i suoi denti per afferrare la preda, e poi spezzargli la spina dorsale con un morso. La parte centrale del talattosauro recuperata lo attesterebbe. Questa strategia è efficacemente impiegata dai predatori dell'apice dei giorni nostri come orche, foche leopardo e coccodrilli.

Quanto è interessante?
1