Storia breve dell'Unione Sovietica: ecco chi sono gli unici 8 leader "rossi" della storia

Storia breve dell'Unione Sovietica: ecco chi sono gli unici 8 leader 'rossi' della storia
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L’Unione Sovietica ha avuto otto leader durante la sua esistenza dal 1922 al 1991. A differenza dei paesi in cui un presidente o un primo ministro è il capo di stato designato, i leader dell'URSS hanno assunto per lo più il potere diventando il capo del Partito Comunista dell'Unione Sovietica.

Vladimir Lenin (1922-1924)

Vladimir Lenin è stato il fondatore del Partito Comunista Russo e il primo capo di stato sovietico. Dopo la rivoluzione di febbraio che spodestò la monarchia russa e pose fine all'impero russo nel 1917, Lenin contribuì a guidare la Rivoluzione d'Ottobre che stabilì il nuovo governo sovietico.

Lenin aveva iniziato la sua carriera rivoluzionaria come marxista che voleva dare potere politico agli operai e ai contadini. Tuttavia, quando morì, l'effettivo governo sovietico che aveva stabilito era molto diverso dal tipo di socialismo che aveva sostenuto. Il suo successore, Joseph Stalin, renderebbe questa differenza ancora più netta.

Joseph Stalin (1924-1953)

Joseph Stalin partecipò alla Rivoluzione d'Ottobre del 1917 e iniziò a lavorare per il governo sovietico durante il mandato di Lenin. Ottenne il potere nel 1922 quando divenne segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista, carica che mantenne fino alla sua morte nel 1953.

Lenin disapprovava Stalin e cercò persino di rimuoverlo dalla carica di segretario generale. Prima dei problemi di salute di Lenin, molti avevano considerato Leon Trotsky, un altro partecipante alla Rivoluzione d'Ottobre che contribuì a plasmare il governo sovietico, come l'erede apparente di Lenin. Stalin considerava Trotsky uno dei suoi principali rivali, ma riuscì comunque ad assumere la co-direzione dell'Unione Sovietica con Grigory Zinovyev e Lev Kamenev.

Durante gli anni '20, Stalin eliminò Zinovyev e Kamenev dal potere, istituì una dittatura ed esiliò Trotsky. Negli anni '30 iniziò la Grande Purga, in cui uccise sia rivali politici che persone che sembravano alleate politiche. Stalin costrinse Zinovyev e Kamenev, i suoi ex co-leader, a fare falsa testimonianza in un processo farsa, poi li fece fucilare.

Stalin formò una tesa alleanza con il presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt e il primo ministro britannico Winston Churchill durante la Seconda guerra mondiale, in cui le truppe sovietiche aiutarono a liberare i campi di concentramento nazisti. In seguito, una Guerra Fredda contrappose gli Stati Uniti ei loro alleati dell'Europa occidentale contro l'URSS, che ora aveva annesso molti più territori nell'Europa orientale.

Georgy Malenkov (1953-1953)

Il primo a prendere il controllo dell'Unione Sovietica fu Georgy Malenkov, apparente erede di Stalin, che aveva contribuito a facilitare le epurazioni di Stalin negli anni '30. Di tutti i leader sovietici, Malenkov è quello che ha detenuto il potere per il minor tempo possibile.

Nikita Krusciov (1953-1964)

Nikita Khrushchev divenne il primo segretario del Partito Comunista dell'Unione Sovietica e, nel 1958, il suo premier. Il suo governo è stato caratterizzato dai suoi tentativi di destalinizzazione e miglioramento delle relazioni internazionali dell'Unione Sovietica.

Krusciov governò l'Unione Sovietica durante la costruzione del Muro di Berlino, la disastrosa invasione della Baia dei Porci e la Crisi missilistica cubana. Sebbene lui e il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy abbiano instaurato inizialmente rapporti arzigogolati, entrambi i leader volevano evitare un conflitto nucleare.

Leonid Breznev (1964-1982)

Leonid Breznev è stato uno dei leader sovietici più longevi, secondo solo a Stalin. Breznev aveva 10 anni durante le rivoluzioni del 1917, il che significa che fu il primo leader dell'Unione Sovietica a diventare maggiorenne sotto lo stato sovietico. Da adolescente si unì all'organizzazione giovanile del Partito Comunitario e prestò servizio nell'esercito sovietico durante la Seconda guerra mondiale.

Yuri Andropov (1982-1984)

Yuri Andropov è stato a capo del KGB, l'agenzia di sicurezza nazionale sovietica (di cui è stato membro anche Vladimir Putin), tra il 1967 e il 1982. Quando Breznev iniziò ad avere problemi di salute, Andropov lasciò il KGB per competere per essere il successore di Breznev, con successo. Due giorni dopo la morte di Breznev, divenne il nuovo segretario generale del Partito Comunista.

Le tensioni tra URSS e USA sono ancora lapalissiane, con il presidente Regan alla testa degli United States. Fu durante la sua amministrazione che le forze sovietiche abbatterono il volo 007 della Korean Airlines, un aereo passeggeri, uccidendo tutte le 269 persone a bordo nel 1983.

Costantino Chernenko (1984-1985)

Konstantin Chernenko, in competizione per succedere a Breznev nel 1982, assunse la carica di segretario generale del Partito Comunista nel 1984. Quell'anno, l'Unione Sovietica guidò un boicottaggio delle Olimpiadi di Los Angeles del 1984.

Mikhail Gorbaciov (1985-1991)

L'ultimo leader dell'Unione Sovietica è stato Mikhail Gorbaciov, succeduto a Chernenko come segretario generale dopo la sua morte, nel 1985. Ha avviato il periodo di glasnost, o "apertura", in cui l'Unione Sovietica ha allentato le restrizioni alla stampa e all'espressione personale, e iniziò a rivalutare il suo passato stalinista.

Gorbaciov supervisionò lo scioglimento dell'Unione Sovietica, che terminò ufficialmente nel 1991. Quell'anno, la Federazione Russa elesse il suo primo presidente, Boris Eltsin.

Rimanendo in tema, ahimé, potrebbe interessarvi un'ulteriore breve guida sul conflitto russo ucraino.

FONTE: History
Quanto è interessante?
1