Questa strana e incredibile creatura potrebbe essere uno dei nostri antichi antenati

Questa strana e incredibile creatura potrebbe essere uno dei nostri antichi antenati
di

Il piccolo animale simile a un pesce si chiama Palaeospondylus gunni, scoperto per la prima volta nei fossili in Scozia nel 1890, che visse circa 390 milioni di anni fa durante il medio Devoniano, proprio come l'Elpistostege watsoni.

Ora, secondo una nuova analisi di fossili ben conservati, gli scienziati pensano che sia stato uno dei primi antenati dei tetrapodi, animali con quattro arti, compreso l'uomo.

"Questo strano animale ha sconcertato gli scienziati sin dalla sua scoperta nel 1890 come un enigma impossibile da risolvere", afferma il fisico Daisy (Yuzhi) Hu dell'Australian National University.

"I confronti morfologici di questo animale sono sempre stati estremamente difficili per gli scienziati. Tuttavia, i recenti miglioramenti nella segmentazione e nella visualizzazione 3D ad alta risoluzione hanno reso possibile questo compito precedentemente impossibile. Trovare un esemplare ben conservato come quelli che abbiamo utilizzato è come vincere alla lotteria, o anche meglio!"

Ci sono diversi motivi per cui classificare questo animale è stato così problematico. I suoi fossili sono abbondanti, ma poiché Palaeospondylus era così piccolo e i suoi resti così danneggiati, ricostruire la sua anatomia cranica era estremamente difficile.

Il gruppo di ricerca, guidato dal paleontologo Tatsuya Hirasawa dell'Università di Tokyo e da RIKEN in Giappone, ha cercato di risolvere questi problemi cercando esemplari eccezionali, con le teste ancora saldamente incastonate e nascoste nella roccia.

"La scelta dei migliori campioni per le scansioni micro-TC e il taglio accurato della roccia che circonda il cranio fossilizzato ci ha permesso di migliorare la risoluzione delle scansioni", afferma Hirasawa. "Sebbene non sia una tecnologia all'avanguardia, questi preparativi sono stati sicuramente le chiavi del nostro successo".

I ricercatori hanno quindi studiato i fossili con la tomografia microcomputerizzata a raggi X con radiazione di sincrotrone, che ha permesso loro di visualizzare i fossili con una ottima risoluzione senza distruggerli, per condurre un esame e una ricostruzione approfonditi.

Anche senza denti e ossa del derma, i risultati sono piuttosto sorprendenti. Nel cranio di Palaeospondylus, la squadra ha trovato tre canali curvi, coerenti con le orecchie interne dei vertebrati mascellari. Altre caratteristiche del cranio della creatura somigliavano alle “teste” di altri due pesci antichi, quasi contemporanei, Eusthenopteron e Panderichthys.

Entrambi questi animali appartengono al gruppo dei pesci con pinne lobate, o Sarcopterygians. Tutti i tetrapodi si sono evoluti da alcuni Sarcopterigi; questi Sarcapterigi e i loro discendenti tetrapodi sono conosciuti come tetrapodomorfi. Sia Eusthenopteron che Panderichthys avevano tratti simili a quelli visti nei tetrapodomorfi.

Tuttavia, la mancanza di denti e ossa del derma su Paleospondylus presenta un problema. I tetrapodomorfi di solito hanno queste caratteristiche, e le avevano anche altri animali contemporanei del nostro strano pesciolino.

Non è noto se i denti e le mascelle fossero semplicemente più lenti a svilupparsi o fossero persi del tutto, ma potrebbe rappresentare una stranezza evolutiva che ha causato lo sviluppo dell'animale in altri modi, dicono i ricercatori, forse verso l'evoluzione degli arti.

Guardando al futuro, i ricercatori affermano che continueranno a indagare sulla strana creatura, al fine di confermare in modo più definitivo la sua posizione nell'albero genealogico degli animali.

"La strana morfologia del Palaeospondylus, che è paragonabile a quella delle larve di tetrapodi, è molto interessante dal punto di vista genetico dello sviluppo", afferma Hirasawa.

"Prendendo in considerazione questo, continueremo a studiare la genetica dello sviluppo che ha determinato questo e altri cambiamenti morfologici che si sono verificati durante la transizione acqua-terra nella storia dei vertebrati".

Quanto è interessante?
3