Straordinaria scoperta a Pompei: ritrovata camera segreta adibita a "stanza degli schiavi"

Straordinaria scoperta a Pompei: ritrovata camera segreta adibita a 'stanza degli schiavi'
di

Tutti conoscono la storia di una delle più note città dell’impero romano e la catastrofe dell’eruzione del Vesuvio che uccise gli abitanti di Pompei. La florida cittadina è scrigno di vestigia storiche, che tutt’oggi vengono scovate. Di recente, nella villa di Civita Giuliana, l’ennesima scoperta ha portato alla luce la "stanza degli schiavi".

Il luogo del ritrovamento è stato rinvenuto nel 2017 e si tratta di un'antica villa romana, al cui interno sono stati scoperti una serie di ambienti seppelliti dalla cenere vulcanica, tra cui le camere della servitù e scuderie equestri, oltre ad un carro cerimoniale.

Durante l’ultimo scavo, effettuato nel Parco Archeologico di Pompei, un team archeologico ha rinvenuto, in un’ala della villa, una stanza che gli scienziati ipotizzano fosse l’alloggio degli schiavi che si occupavano dei lavori domestici nella villa, della manutenzione e della predisposizione del carro cerimoniale.

A riprova di questa ipotesi, i ricercatori hanno scoperto, sotto gli strati di cinerite, una serie di brande in legno e cordame, costruiti in modo artigianale. In aggiunta ai letti sono state riportate alla luce porzioni del carro, lembi di stoffa e una serie di oggetti d’uso personale, come anfore, brocche per l’acqua e vasi da notte. La città non è, di certo, nuova ad antichi ritrovamenti romani. Non molto tempo fa, infatti, a Pompei venne ritrovata la tomba di un liberto.

In relazione allo stupefacente ritrovamento, Gabriel Zuchtriegel, direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, ha dichiarato: “L'archeologia ci aiuta a scoprire una parte del mondo antico di cui altrimenti sapremmo poco, ma che è comunque estremamente importante” e, sottolineando l’ottimo stato di conservazione, dovuto agli strati di cenere piroclastica, e le condizioni di vita degli schiavi dell’epoca, ha continuato “Ciò che più colpisce è la natura angusta e precaria di questa stanza, che era una via di mezzo tra un dormitorio e un ripostiglio di appena 16 mq, che oggi possiamo ricostruire grazie all'eccezionale stato di conservazione creato dall'eruzione del 79 d.C.”.

Ponendo l’attenzione sull’importanza del ritrovamento, in quanto testimonianza di un’epoca remota ed antica, Zuchtriegel ha concluso “Si tratta certamente di una delle scoperte più emozionanti della mia vita di archeologo, anche senza la presenza di grandi 'tesori' – il vero tesoro qui è l'esperienza umana, in questo caso dei membri più vulnerabili della società antica, a cui questa stanza è una testimonianza unica”.

Di seguito vi proponiamo un’immagine, prodotta dai ricercatori del Parco Archeologico di Pompei, raffigurante la stanza in cui abitavano gli schiavi della villa di Civita Giuliana.

Quanto è interessante?
10
Straordinaria scoperta a Pompei: ritrovata camera segreta adibita a 'stanza degli schiavi'