Una straziante foto diventata virale: un uccello che sfama il piccolo con una cicca

Una straziante foto diventata virale: un uccello che sfama il piccolo con una cicca
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'influenza umana sugli ecosistemi del mondo è sempre più visibile. La dimostrazione è proprio questa foto di un becco a cesoie americano (Rynchops niger) che sfama, erroneamente, suo figlio con una cicca di sigaretta.>

"Questi uccelli si nutrono scorrendo lungo l'acqua con i loro becchi aperti", ha spiegato su Facebook la fotografa Karen Mason, l'autrice della foto. "Quando la mandibola inferiore tocca qualcosa, quella superiore si chiude e non vedono quello che hanno ottenuto."

Questo metodo di caccia potrebbe rivelarsi mortale, visto che negli oceani ci sono tonnellate di spazzatura. Karen Mason si è imbattuta in questa famiglia di uccelli sulla spiaggia di St. Pete in Florida, mentre faceva volontariato per la National Audubon Society.

"Quando ho scattato la foto ho capito che non era un pesce, ma non sapevo che fosse una sigaretta fino a quando non sono tornato a casa e l'ho vista sul mio computer", ha dichiarato a ScienceAlert.

Il modo in cui la cellulosa vegetale viene elaborata, per produrre i filtri della sigaretta, rende la loro disintegrazione ostinatamente lenta, molto simile a quella della plastica. Altri tipi di uccelli, stanno usando le cicche delle sigarette anche per costruire i loro nidi, ha dichiarato Mason.

I mozziconi delle sigarette, nonostante respingano i parassiti dai nidi degli uccelli, possono creare un danno cromosomico, poiché quando vanno in decomposizione rilasciano sostanze chimiche come la nicotina, l'arsenico e il piombo.

Un recente rapporto dell'Ocean Conservancy afferma che i mozziconi di sigarette, sulle spiagge, sono più presenti delle cannucce o delle bottiglie di plastica. "È ora che puliamo le nostre spiagge e smettiamo di trattarle come un posacenere gigante", ha infine concluso Mason.

Quanto è interessante?
6
Una straziante foto diventata virale: un uccello che sfama il piccolo con una cicca